/ Al Direttore

In Breve

lunedì 03 agosto
domenica 02 agosto
venerdì 31 luglio
mercoledì 29 luglio
martedì 28 luglio
lunedì 27 luglio

Al Direttore | 17 luglio 2018, 22:18

Una strada allo Zar Alessio Romanov?

Riceviamo e pubblichiamo

Una strada allo Zar Alessio Romanov?

Alessio Romanov, bambino, emofiliaco, veniva fucilato assieme alla famiglia esattamente cento anni fa in Russia.

Un esempio drammatico di accanimento del potere e dei vincitori verso i deboli ”così l’avvocato Alessio Ghisolfi, autore di ricerche storiche internazionali.


Per le colpe del padre si è violato il più classico principio secondo cui le responsabilità dei genitori non cadono sui discendenti, restano al reo. Già i manifesti ottocenteschi del Regno sabaudo proclamavano tale diritto acquisito.


Alessio Romanov è invece l’esempio della barbarie umana contro i minori, sono trascorsi cento anni esattamente oggi ma la memoria ha vita molto più lunga delle ideologie e delle rivoluzioni. Incominciare a riconoscere come grave fatto di sangue quell’omicidio sarebbe un primo dovuto passo verso la verità in una ideale congiunzione con le tragedie del novecento. Intitolare una strada ad Alessio può apparire una provocazione, ma non lo è in realtà, e con alcuni diplomatici stiamo tentando di costruire una memoria condivisa e nuova su questa figura

Ultimo erede al trono dell’impero Russo, ultimogenito dello Zar Nicola II,  cui si addebitano indiscusse responsabilità, e della zarina Aleksandra fù vittima innocente.


Non è questione politica ma storica e di giustizia ha dichiarato l’avvocato Alessio Ghisolfi, in una missiva indirizzata all’Ambasciatore di Mosca a Roma.

Avv. Alessio Ghisolfi


MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium