/ Attualità

Attualità | 16 luglio 2021, 16:31

Anche l’Anpi di Bra ha ricordato i partigiani braidesi uccisi a Borgo nel luglio 1944

Accompagnata dal presidente del Consiglio comunale Fabio Bailo

Anche l’Anpi di Bra ha ricordato i partigiani braidesi uccisi a Borgo nel luglio 1944

C’era anche una folta delegazione della sezione di Bra dell’Anpi (Associazione nazionale partigiani d’Italia) accompagnata dal presidente del Consiglio comunale Fabio Bailo alla manifestazione che domenica 11 luglio a Borgo San Dalmazzo ha ricordato le 10 vittime italiane vittime di una feroce rappresaglia nazifascista perpetrata in quella località il 6 luglio 1944.

La manifestazione, organizzata dall’Anpi di Borgo presieduto da Maddalena Forneris, si è svolta nel cimitero cittadino dove, di fronte al  sacrario che ricorda i caduti della lotta di Liberazione, è intervenuto l’oratore ufficiale, Livio Berardo, e si è conclusa con un successivo omaggio al cippo che, in un trafficato luogo cittadino, ricorda il sacrificio dei patrioti trucidati. Tra questi vi erano anche tre braidesi, Sergio Aimo, CarloVigna e Lorenzo Racca,  appartenenti alla XII divisione autonoma  “Bra” comandata da Icilio Ronchi Della Rocca.

Il capo distaccamento Aimo e alcuni altri partigiani, tra cui Vigna e Racca, erano stati catturati a fine giugno 1944 sulla strada che collega la città della Zizzola ad Alba mentre tentavano di impossessarsi di un automezzo tedesco. Trasportati a Cuneo e sottoposti a percosse e torture, in quel tragico 6 luglio furono uccisi con altri partigiani e alcuni civili.

comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium