/ Attualità

Attualità | 05 dicembre 2022, 18:12

L'ex sindaco di Busca Luca Gosso si è laureato con 110 e lode con una tesi su Casa Francotto

Primo cittadino dal 2004 al 2014, ha discusso il proprio studio esponendo il progetto di promozione intrapreso lavorando nella Segreteria istituzionale ed utilizzando le nozioni del corso di Valorizzazione e narrazione del patrimonio culturale delle professoresse Anna Villari e Desireé Tommaselli

L'autore della tesi, Luca Gosso, nella galleria Casa Francotto che ospita la mostra Mirò: sogno, forza e materia, aperta dal 29 ottobre 2022 al 29 gennaio 2023

L'autore della tesi, Luca Gosso, nella galleria Casa Francotto che ospita la mostra Mirò: sogno, forza e materia, aperta dal 29 ottobre 2022 al 29 gennaio 2023

Con una tesi su Casa Francotto, Luca Gosso, sindaco di Busca dal 2004 al 2014, si è laureato con 110 e lode alla facoltà di Scienze della Comunicazione, corso di laurea in Istituzione pubbliche e media digitali dell’Università telematica internazionale Uninettuno.
 
Il caso di studio discusso nella tesi concerne da vicino Busca, esponendo il progetto di promozione, attraverso l’arte e l’educazione, che l’autore ha intrapreso lavorando nella Segreteria istituzionale della Città di  Busca ed utilizzando le nozioni  del corso di Valorizzazione e narrazione del patrimonio culturale delle  professoresse Anna Villari e Desireé Tommaselli. 

Oggetto della ricerca è la galleria d’arte  Casa Francotto, dove dal 2021  è stato avviato un percorso di promozione di eventi espositivi di arte contemporanea.  

La sfida lanciata è capire se una città di diecimila abitanti può fare cultura di buon livello, se è possibile coinvolgere le giovani generazioni ad amare il bello, se l’arte può diventare uno strumento turistico per portare visitatori in città con ricadute positive anche sul commercio locale.

Per raggiungere questi obiettivi è nata una collaborazione con Cherasco,  un piccolo comune del Cuneese che sha saputo qualificato negli ultimi trent’anni come città d’arte,e che ha condiviso con Busca la sua esperienza.

Grazie al percorso intrapreso, oggetto della tesi di laurea,  la sfida può essere affronta con ottimismo, alla luce delle mostre già realizzate e ancora in corso, prima con opere di De Pisis e  Kandinsky e ora con Mirò: sogno, forza e materia, aperta dal 29 ottobre 2022 al 29 gennaio 2023, in contemporanea con l’esposizione di Cherasco con il medesimo oggetto.

La sinergia tra i due enti ha permesso di suddividere le spese di trasporto e di ottimizzare le spese per la comunicazione, moltiplicando i visitatori, grazie ad  agevolazioni sugli ingressi per entrambe le mostre e valorizzando, a Busca, anche altri siti artistici del territorio.  

La tesi arriva, quindi, alla conclusione che anche piccoli centri di provincia lavorando in rete con altre istituzioni museali ed espositive possono ritagliarsi uno spazio importante nell’ambito culturale, con  l’obiettivo, per Busca, di far diventare Casa Francotto, rispettando  i concetti contenuti nella recente nuova definizione di museo approvata da Icom (il principale network italiano di musei e professionisti museali),   "uno spazio pubblico, un luogo del dialogo, del confronto, dove sviluppare un pensiero critico, promuovere la conoscenzala partecipazione e il benessere della comunità".

cs

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium