/ Attualità

Attualità | 11 aprile 2024, 17:05

A Lisio nasce un bosco didattico dedicato ai giovani [FOTO E VIDEO]

Il progetto, fortemente voluto dal comune, è stato realizzato grazie alla Fondazione CRC come prosecuzione delle attività al Rondò dei Talenti di Cuneo

A Lisio nasce un bosco didattico dedicato ai giovani [FOTO E VIDEO]

Un nuovo progetto per l'educazione outdoor nelle terre della Valle Mongia. È stato presentato oggi, giovedì 11 aprile, nella Confraternita di Santa Caterina, l'iniziativa che vede la sinergia del Comune di Lisio e di Fondazione CRC per valorizzare il bosco e i ruderi del castello del paese. 

La presentazione degli interventi, preceduta da un light lunch preparato dallo chef Paolo Pavarino e dagli studenti del CFPCemon, è solo il primo tassello di un progetto più ampio che vedrà non solo il recupero di un importante area boschiva, dove sono in corso interventi di pulizia, ma anche la promozione di attività didattiche outdoor per i giovani, in linea con i progetti realizzati a Cuneo all'interno del Rondò dei Talenti. 

"Oggi - spiega il sindaco di Lisio, Stefano Rossi - coroniamo un progetto iniziato diversi anni fa con una giornata di festa. - Un'iniziativa che abbiamo voluto fortemente, iniziando con "La fabbrica del bosco" con il coinvolgimento di circa 600 ragazzi. Lo stesso progetto, realizzato sempre con Fondazione CRC, è poi cresciuto coinvolgendo mille giovani. Abbiamo così pensato di investire in un bosco, in cui ha investito direttamente Fondazione CRC; un luogo che darà spazio ai bambini e ai ragazzi, che sono il nostro presente ma soprattutto il nostro futuro".

Alla giornata, molto partecipata, oltre ad amministratori locali e dei comuni limitrofi erano presenti anche il consigliere provinciale Pietro Danna, il consigliere regionale Paolo Bongioanni e il vice presidente del consiglio regionale Franco Graglia che, dopo aver portato i saluti istituzionali, hanno espresso parole di ringraziamento e complimenti per la realizzazione dell'iniziativa. 

Il sindaco, a nome dell’amministrazione, ha poi omaggiato una scultura in legno con il topo con la castagna, simbolo di Lisio, a Ezio Raviola, Davide Merlino e Massimo Gula.

“Come fondazione nel nostro mandato abbiamo sempre cercato di realizzare i sogni di tutti i comuni, cercando di capire le necessità del territorio, ascoltando le richieste di tutti i comuni, anche quelli più piccoli". - ha spiegato il presidente di Fondazione CRC, Ezio Raviola - “Quello che inauguriamo oggi è un pochetto che si propone come spazio Outdoor de Rondò dei Talenti, una succursale dove giovani e ragazzi verranno per fare esperienze didattiche e culturali, ammirando il paesaggio, sentendo il profumo dei fiori e il rumore dell'acqua".

L'area dove sorgerà il bosco didattico, acquistato da Fondazione CRC, in continuità con la vision espressa con Vigna Gustava nella Langhe, beneficerà anche della valorizzazione dei ruderi del castello.

A illustrare le indagini tecnico-scientifiche che hanno permesso di creare una riproduzione di quello che poteva essere il castello e a individuare la presenza di resti archeologici nel terreno, sono stati il professor Enrico Lusso, docente all'Università di Torino e Monica Girardi di FT Studio, che ha curato le indagini archeologiche sul sito.

Parte così la valorizzazione di un luogo sconosciuto ai più che diventerà una vera e propria oasi didattica outdoor per le nuove generazioni. 

Arianna Pronestì

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di Targatocn.it su WhatsApp ISCRIVITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium