/ Copertina

Copertina | 23 giugno 2024, 00:00

"Il futuro dell'odontoiatria? E' già qui. E noi non sappiamo stare fermi"

I fondatori della Clinica odontoiatrica Salzano-Tirone di Cuneo raccontano da dove sono partiti e come sono arrivati ad essere un riferimento sia in ambito clinico che nella formazione, a livello nazionale e internazionale

"Il futuro dell'odontoiatria? E' già qui. E noi non sappiamo stare fermi"

Stefano Salzano e Federico Tirone sono i due fondatori e titolori della Clinica Odontoiatrica di via Cascina Colombaro a Cuneo.

Cuneese Salzano, torinese Tirone, entrambi classe 1980, lavorano insieme già da tanti anni. Un sodalizio nato sui banchi dell'università. Laureati con il massimo dei voti, la dignità di stampa e la menzione d'onore, erano già al tempo affamati di eccellenza ed è questa la cosa che hanno riconosciuto l'uno dell'altro.

E che li ha portati, durante il training clinico, anche a fare progetti insieme. Da allora, non hanno mai smesso, partendo dal piccolo studio di Caraglio per arrivare alla grande Clinica di Cuneo. Ora gestiscono anche due nuovi studi, i Dental Point di Mondovì e Saluzzo. Un terzo aprirà a Bra.

Eccellenza non solo clinica, ma anche manageriale, cosa sulla quale sono diventati formatori a livello nazionale.

Come è nato il vostro sodalizio?

"Ci siamo conosciuti bene durante i tirocini universitari. Discorsi, confronti, riflessioni. Avevamo entrambi un grande sogno: quello di aprire una struttura che facesse dell'eccellenza la sua caratteristica principale. Eravamo giovanissimi ma determinati. Pur non avendo parenti nel settore, abbiamo aperto insieme lo studio di Caraglio, due soli riuniti. Io, nel frattempo, collaboravo con alcuni studi di Torino. Senza nemmeno rendercene conto, in poco tempo siamo diventati lo studio di riferimento di Caraglio.

Avevamo un fatturato e un volume di pazienti che non erano più gestibili per uno studio di quelle dimensioni. Non ci stavamo più, avevamo già dieci dipendenti e numerosi collaboratori. Aperti sette giorni su sette, con orari estesi... eppure non bastava a dare risposta a tutte le richieste. Eravamo cresciuti così in fretta da dover prendere una decisione sul futuro dello studio", spiega Tirone.

Era il momento del bivio. Aprire uno studio di medie dimensioni o fare il salto della vita e aprire la Clinica odontoiatrica più grande di Cuneo nonché una delle più grandi d'Italia.

Tirone e Salzano erano giovani, ma avevano dalla loro l'entusiasmo e la passione. Hanno scelto la via più rischiosa. E hanno fatto centro.

Il 27 giugno del 2011 inaugurano l'ultramoderna Clinica di via Cascina Colombaro, nella zona artigianale di Cuneo.

"Ci siamo fidati della nostra passione e delle nostre capacità", commentano. 
"La scelta è ricaduta su una location facilmente accessibile. Abbiamo trovato un capannone in cemento armato, che è diventato, da zero, la realtà che tutti ormai conoscono e che si è imposta prima a Cuneo, poi in tutta la provincia e sempre di più anche a livello nazionale".

"Da zero all'impero". Non solo ciò che hanno realizzato, ma anche il titolo del loro primo libro e quello del corso annuale a cui partecipano, ogni anno, centinaia di dentisti da tutta Italia. "Vengono ad imparare le nostre strategie organizzative e manageriali".


 

Medici odontoiatri e manager. Come si conciliano questi due aspetti?

"Rispondo con una parola che ho già usato: passione - spiega Tirone. Quando ti laurei in odontoiatria, non sai niente di come si gestisca una struttura come la nostra che è, a tutti gli effetti, un'azienda sanitaria. Un'azienda, appunto. Già quando eravamo a Caraglio ci eravamo resi conto di quanto l'organizzazione e la gestione fossero aspetti imprescindibili per il funzionamento di una struttura grande e con tanti dipendenti. Abbiamo studiato, imparato e messo in pratica, decidendo poi di trasmettere le nostre competenze anche ad altri medici. Non siamo stati i primi formatori in questo ambito, ma abbiamo un aspetto che ci rende credibili: quello che insegniamo è sotto gli occhi di tutti. Trasmettiamo competenze che sono alla base di qualcosa che esiste e che funziona. Qualcosa che mettiamo in pratica tutti i giorni. Non sono nozioni o concetti astratti. Questo fa la differenza".

Salzano e Tirone sono un riferimento anche per i corsi in ambito clinico. Non si contano le partecipazioni come relatori a congressi nazionali e internazionali dei due odontoiatri, così come non si conta il numero di pazienti inviato a Cuneo da colleghi di ogni parte d'Italia, per provare a risolvere casi complessissimi.

Risultati ottenuti grazie a tanta ricerca, allo studio e all'aggiornamento continuo.

"Sono decine le nostre pubblicazioni sulle riviste internazionali di settore. Per una clinica privata non è scontato. La ricerca, di solito, appartiene all'ambito universitario. La nostra è autofinanziata, frutto di tanto impegno e di tanto investimento personale, oltre l'orario di lavoro. Ma ci ha permesso di diventare un punto di riferimento per l'odontoiatria a livello nazionale e internazionale, portandoci ad essere relatori in congressi di altissimo livello".

Quali sono le caratteristiche di ciascuno di voi, dal punto di vista lavorativo?

"Partiamo da ciò che ci accomuna: la ricerca dell'eccellenza. Ogni aspetto è curato nel dettaglio. Ma siamo professionalmente molto diversi. Io - a rispondere è Tirone - ho una maggiore attitudine alla chirurgia, anche estrema, e a situazioni più stressanti. Salzano, invece, eccelle negli interventi che richiedono più precisione e calma, come la microscopia o l'endodonzia. Tutto quello che richiede approcci millimetrici e ore alla poltrona è nelle sue corde. Io amo gli interventi complessi, le riabilitazioni chirurgiche e mi occupo maggiormente della gestione amministrativa e manageriale".

 

 

Un presente pieno di soddisfazioni professionali per entrambi. Ma qual è il futuro dell'odontoiatria?

"Per noi è chiarissimo. Lo vedevamo già dieci anni fa, quando abbiamo iniziato a scrivere il blog e il nostro primo libro. Gli studi piccoli sono destinati a sparire perché non possono offrire i servizi che le persone cercano. La complessità della nostra professione è ormai tale che un singolo professionista non riuscirebbe a star dietro alle nuove tecnologie, senza contare gli investimenti economici necessari per rimanere al passo. Per quanto un dentista possa essere bravissimo, non può avere il tempo, da solo, per dedicarsi all'aggiornamento, alla ricerca e allo sviluppo di tutti i settori dell'odontoiatria".

Per Salzano e Tirone il futuro dell'odontoiatria è uno studio dove ciascun professionista si dedica ad una branca, cercando l'eccellenza in questo. "Io non sarei più in grado di curare una carie - evidenzia ancora Tirone. Perché non lo faccio da anni e non so come questo tipo di intervento si sia evoluto, quali siano i migliori materiali o i migliori strumenti. Servono una continua pratica e un continuo aggiornamento, che non si può pensare di avere in tutto". 


Come si diventa punto di riferimento per i pazienti?

"Offrendo un servizio a 360 gradi. Un po' come nell'edilizia: il chiavi in mano. Un paziente vuole avere il risultato in tempi certi e con costi altrettanto certi. Serve chiarezza fin da subito e l'offerta di tutto in un unico posto: dalla diagnosi, alle radiografie di ultima generazione, all'anestesista che effettua la sedazione cosciente. Senza contare il parcheggio, gli orari estesi, la possibilità di trovare risposte alle urgenze. Ormai i pazienti guardano tutto: anche i prezzi. Ma, e questo lo voglio sottolineare - spiega Salzano - non si può avere eccellenza a basso costo. Soprattutto in ambito sanitario. Il prezzo basso non è conciliabile con servizi e prestazioni di altissima qualità, in nessun ambito, tanto meno in quello che riguarda la salute".

Progetti per il futuro?

"Come diciamo sempre, il futuro è già qui. E noi, fermi non sappiamo stare".

Informazione sanitaria ai sensi della legge n. 248 (04/08/2006) e legge n. 103 (del 10/08/2023) - direttore sanitario dott. Stefano Salzano, odontoiatra iscr. Albo odontoiatri n 488 di cuneo - Clinica Odontoiatrica Salzano Tirone srl - p.iva 03301160044

Barbara Simonelli

Leggi tutte le COPERTINE ›

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium