/ Attualità

Attualità | 06 luglio 2024, 09:28

Farigliano mantiene viva la memoria negli 80 anni dall'incendio nazista che devastò il paese [FOTO E VIDEO]

Ieri sera partecipato corteo per le vie del paese con l'accompagnamento della Banda Musicale

Farigliano mantiene viva la memoria negli 80 anni dall'incendio nazista che devastò il paese [FOTO E VIDEO]

Mantenere viva la memoria per non dimenticare chi ha perso la vita nel corso della vile rappresaglia nazista che, il 5 luglio del 1944, mise a ferro e fuoco diversi paesi di Langa. 

Con una cerimonia sentita e partecipata, ieri, il Comune di Farigliano ha voluto commemorare le persone che ottant'anni si trovarono faccia a faccia con una rappresaglia che portò alla distruzione di case, archivi e alla morte di persone innocenti. 

Con corteo, aperto dalla Banda Musicale "I giovani di Farigliano", cittadini, associazioni e molti studenti e insegnanti, insieme all'amministrazione hanno attraversato il ponte del cavalcaferrovia, per attraversare le vie del paese con tante fiaccole, simbolo di speranza e memoria. 

Il sindaco Ivano Airaldi, insieme al sindaco dei ragazzi Mattia Cavicchi, dopo la deposizione di un omaggio floreale presso il monumento dedicato alle vittime dell’incendio, ringraziando tutti i partecipanti alla manifestazione. 

"Un profondo grazie a tutti i presenti: cittadini, professori, alunni, alpini, rappresentanti dell'Avis e dell'Acli per aver preso parte a questa manifestazione - ha detto il primo cittadino - Un ringraziamento poi ai nonni vigili e alla Polizia locale che hanno consentito lo svolgimento in sicurezza del corteo. Il silenzio che c'è in questo momento ci fa capire quanto rispetto e raccoglimento ci sia per questa occasione. Colgo l'occasione per ringraziare anche Carlo Conterno e Remo Schellino che con i loro lavori e il loro entusiasmo mantengono via la memoria e la storia del nostro paese". 

"La biblioteca è la conclusione ideale di questa serata - ha ricordato la professoressa Antonella Ratto, accogliendo i partecipanti presso la biblioteca civica "Nicola e Beppe Milano" - "Grazie alle testimonianze che ascolteremo questa sera capiremo davvero che cosa è stato quello che Rino Viotto ha definito 'il giorno più lungo per Farigliano'". 

Grazie al lavoro di ricerca di Carlo Conterno, testimone della memoria di Giorgio Fia, si è tenuta la proiezione della documentazione fotografica sull’identità dei responsabili di quel tragico 5 luglio 1944. 

Arianna Pronestì

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di Targatocn.it su WhatsApp ISCRIVITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium