/ Attualità

Attualità | 17 aprile 2019, 16:27

Dal Ministero arriva la copertura economica di 3 milioni e 650mila euro per i lavori sulle scuole di Sanfront

Serviranno per l’adeguamento sismico e l’ampliamento, con una nuova palestra, del plesso scolastico del capoluogo. Nel giro di un mese verrà ultimato il progetto esecutivo delle opere, poi si aprirà la procedura di appalto

L'edificio scolastico di Sanfront

L'edificio scolastico di Sanfront

Ci sono anche i 3milioni e 600mila di Sanfront euro all’interno del decreto interministeriale, pubblicato sul sito del Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca, che autorizza le Regioni a contrarre mutui per coprire i costi di 900 interventi di edilizia scolastica.

L’ammontare dei mutui che potranno essere stipulati dalle Amministrazioni regionali tocca quota 1.550 milioni di euro.

Le opere che verranno finanziate riguarderanno sia la nuova costruzione di edifici scolastici sia lavori di messa a norma antisismica di strutture esistenti, purchè statali, di ogni ordine e grado.

Nell’elenco di opere coperte dai mutui regionali compaiono anche l’adeguamento sismico e l’ampliamento, con una nuova palestra, del plesso scolastico del capoluogo. Un progetto fortemente voluto dall’Amministrazione comunale del sindaco Emidio Meirone, redatto dall’architetto Fulvio Bachiorrini di Saluzzo e dall’ingegner Franco Picotto di Cavour.

Il Comune di Sanfront è quindi ufficialmente beneficiario del contributo di 3milioni e 650mila euro.

L’obiettivo è quello di giungere ad avere un edificio assolutamente conforme a tutte le norme antisismiche, antinfortunistica, prevenzione incendi ed inoltre, eliminando in toto le barriere architettoniche. Sicurezza e maggiore accessibilità, dunque.

L’intera parte “vecchia” dell’edificio che ospita le scuole del capoluogo sarà oggetto di importanti opere di adeguamento sismico. Sul retro vedrà la luce la nuova palestra polivalente, mentre l’attuale palestra diventerà una sorta di “aula magna” polivalente, che consentirà di recuperare nuove aule al secondo piano dell’immobile esistente.

Previsto, inoltre, il rifacimento completo delle dotazioni interne, come serramenti e pavimenti.

Il progetto aveva ottenuto un punteggio decisamente alto nell’ambito della selezione pubblica finalizzata alla redazione di un piano triennale regionale per interventi di edilizia scolastica.

Il decreto interministeriale stabilisce come gli Enti locali siano autorizzati all’avvio delle procedure di gara e alla stipula dei contratti di appalto.

L’iter è stato seguito in particolar modo dal consigliere comunale Francesco Lombardo.

Siamo ormai quasi al dunque – ci spiega – per quanto riguarda la progettazione esecutiva. Penso che nel giro di un mese circa il progetto esecutivo sia pronto e, dopodiché, possiamo avviare le procedure di appalto”.

Nicolò Bertola

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium