/ Cronaca

Cronaca | 14 aprile 2016, 11:38

Picchiate dal marito, due donne finiscono all'ospedale: è successo a Cuneo e Fossano

Quella della violenza sulle donne, stando ai casi segnalati dalle forze dell'ordine, è una vera e propria piaga sociale anche in Granda

Picchiate dal marito, due donne finiscono all'ospedale: è successo a Cuneo e Fossano

Una vera e propria piaga sociale, che settimanalmente ci consegna casi di violenza sulle donne in provincia di Cuneo. 

A Santo Stefano Belbo i carabinieri della locale Stazione e della Compagnia di Alba sono intervenuti presso l’abitazione di una casalinga 40enne italiana che aveva richiesto il loro intervento perché il suo ex convivente, un disoccupato pregiudicato 50enne macedone, stava tentando di entrare con la forza in casa sua.

I militari, prontamente intervenuti, lo hanno bloccato all’esterno dell’abitazione in stato confusionale, dopo che aveva già danneggiando la porta d’ingresso. A suo carico il Tribunale dei Minori di Torino aveva emesso nei giorni scorsi un  provvedimento di divieto di avvicinamento al figlio minorenne che vive con la donna. Lui però, incurante di tale divieto, si era recato a casa della donna, probabilmente per vedere il figlio, tentando di sfondare la porta di casa, minacciando la ex convivente, ingiuriandola. Il macedone, date le sue condizioni di alterazione psico-fisica, è stato sottoposto al T.S.O. (Trattamento Sanitario Obbligatorio) dai sanitari del 118 di Nizza Monferrato e condotto in quell’ospedale. I carabinieri lo hanno denunciato per i reati di inosservanza provvedimenti del Giudice, molestie, minacce, ingiurie e danneggiamento.     

A Fossano i carabinieri sono intervenuti presso l’abitazione di una famiglia, allertati da alcuni vicini che sentivano urlare. I carabinieri hanno accertato che, al culmine di un litigio in famigliare, un operaio 50enne fossanese aveva picchiato sua moglie, una 40enne anche lei del luogo, procurandole un ematoma e lesioni in varie parti del corpo.

Sul posto è stata fatta intervenire un’ambulanza del 118 che ha trasferito la donna in Ospedale dove, dopo essere stata medicata, è stata dimessa con una prognosi di 18 giorni. La vittima e la figlia minore sono andate presso loro parenti. L’operaio è stato denunciato per i reati di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali aggravate ed ora rischia che a suo carico scatti un provvedimento cautelare che gli impedisca di nuocere ancora alla donna.  

A Cuneo i militari del Radiomobile sono intervenuti presso l’Ospedale “Santa Croce e Carle” su richiesta dei sanitari perché, in piena notte, si è presentata al Pronto Soccorso una casalinga 35enne con varie lesioni sul corpo. I carabinieri hanno poi avviato le indagini sulla vicenda scoprendo che la donna era stata picchiata dal marito, un impiegato 40enne cuneese, nel corso di un litigio. L’uomo è stato denunciato per lesioni personali e gli accertamenti sulla vicenda sono ancora in corso per verificare se la vittima abbia subito anche in passato altre violenze ad opera del marito, ora indagato.      

bs

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium