/ Attualità

Attualità | 10 settembre 2020, 17:55

Mascherine e visiere per le maestre consegnate agli asili di Savigliano

Il materiale acquistato grazie alle donazioni raccolte dalle associazioni che sostengono gli ospedali di Savigliano, Saluzzo e Fossano

La consegna dei dispositivi di protezione destinati agli asili

La consegna dei dispositivi di protezione destinati agli asili

Sono stati consegnati alle scuole paritarie di Savigliano i dispositivi di protezione individuale (Dpi) acquistati grazie alle donazioni raccolte dall’associazione Amici dell’Ospedale Santissima Annunziata, Cuore in Mente, Officina delle Idee e Amici del Cuore.

Si tratta di diverse mascherine chirurgiche e 42 visiere per le maestre che erano state chieste dagli asili a supporto delle insegnanti durante le ore di lezione.

Le scuole paritarie che riceveranno i dispositivi sono Santa Maria della Pieve, San Giovanni, Istituto Sacra Famiglia, Asilo San Salvatore e Levaldigi.

“Come associazioni raccogliamo solitamente donazioni per gli ospedali – ha spiegato Francesco Villois, in rappresentanza del sodalizio saviglianese -. In questo caso siamo andati un po’ 'fuori percorso”, per così dire, perché il momento è eccezionale. Insieme alle altre associazioni che sostengono i tre nosocomi all’interno dell’ospedale unico Savigliano-Saluzzo-Fossano, non pensavamo di raccogliere in così poco tempo tante donazioni con cui negli scorsi mesi abbiamo comprato materiale sanitario, in particolare per l’ospedale di Saluzzo, che era centro Covid. Abbiamo poi pensato alla prevenzione e a un ritorno concreto sul territorio. La settimana scorsa abbiamo consegnato i sanificatori, chiesti dall’Asl Cn1 agli ospedali, alle case di riposo e alle associazioni che operano sul territorio. Poi è arrivata la richiesta delle scuole parificate. Avevamo ancora questi materiali che abbiamo avanzato e che teniamo come riserva in caso di emergenza. A questi abbiamo aggiunto le visiere richieste dalle insegnanti, utili anche per essere viste meglio in viso dai bambini”.

Per quest’anno è probabile che l’associazione non riesca a rispettare il calendario completo delle sue tradizionali attività, come la Pedalata del Cuore o la camminata dei Babbi Natale. “Non siamo riusciti a organizzare un momento conviviale a causa delle stringenti norme di contrasto al Covid. Speriamo che ci diano il Milanollo per il concerto di Capodanno. Sarà difficile, ma ci piacerebbe organizzare un momento di questo tipo per dimostrare la nostra riconoscenza alla popolazione”.

Chiara Gallo

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium