/ Attualità

Attualità | 14 settembre 2020, 14:15

Prima campanella per le Primarie di Cuneo, tra regole, ansie dei genitori e l'entusiamo dei bimbi (Gallery)

Genitori fuori dalle scuole. A Spinetta misurazione della temperatura all'ingresso, ma è un'operazione troppo lunga e da domani via di autocertificazione. Nelle scuole più grandi ingressi separati

Prima campanella per le Primarie di Cuneo, tra regole, ansie dei genitori e l'entusiamo dei bimbi (Gallery)

Sono le parole di Daniela Marenco, maestra della scuola elementare Fratelli Castellino di Spinetta, frazione dell'Oltregesso. Preoccupazione legittima, la sua, e soprattutto consapevolezza delle tante difficoltà che accompagneranno quest'anno scolastico, ma anche entusiasmo, soprattutto da parte dei bambini, che hanno fatto davvero fatica a non saltarsi addosso ritrovandosi dopo così tanto tempo. 

Alcuni hanno fatto un girotondo tenendo le distanze, qualcuno ha costruito un cappello per mantenerle. Forse sono proprio i bambini delle elementari i più pronti e disponibili al rispetto delle regole, mentre l'ansia dei genitori è palpabile. Tra merende consumate in classe, quaderni in quarantena, allarme al primo colpo di tosse, molti di loro temono che il ritorno in classe sarà un percorso ad ostacoli.

Siamo stati in diverse primarie della città. In tutte i genitori sono rimasti fuori dai cancelli o dai portoni, in attesa delle modalità di ingresso, diverse da istituto a istituto.

Nella maggior parte degli istituti si è optato per l'autocertificazione, con misurazione della temperatura a casa. A Spinetta la temperatura è stata rilevata direttamente all'ingresso, con tempi però troppo lunghi, tanto che da domani  anche qui si andrà di autocertificazione.

Dove gli spazi lo hanno consentito, ingressi seperati, per classi, con le maestre pronte ad accogliere i loro piccoli studenti dopo ben sei mesi. In fila indiana e a distanza, nessun contatto fisico.

Quasi ovunque i bimbi di prima sono stati fatti entrare dopo, accompagnati da un solo genitore, che ha lasciato i dati e il numero di telefono, come sarà, quest'anno, per chiunque acceda ai locali o entri in contatto con il personale scolastico.

Sono davvero decine le regole a cui tutti dovranno attenersi. La prima campanella è suonata. Un solo obiettivo: che la scuola rimanga aperta. 

 

Barbara Simonelli

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium