/ Eventi

Eventi | 22 settembre 2020, 15:44

A Racconigi la via la prima edizione della rassegna "Route Royale della Musica"

il concerto domenica 27 settembre nella chiesa di San Giovanni Battista

A Racconigi la via la prima edizione della rassegna "Route Royale della Musica"

Domenica 27 settembre alle ore 17 nella Chiesa di San Giovanni Battista di Racconigi scatterà la prima edizione della Route Royale della Musica, una rassegna internazionale realizzata insieme alla francese Route Royale des Orgues con la direzione artistica del noto organista Silvano Rodi, per portare la grande musica classica nelle principali località situate lungo il cammino della Strada Reale, che univa la capitale sabauda a Nizza. Purtroppo, la pandemia di Covid-19 ha costretto la rassegna francese ad annullare i propri concerti – che si sarebbero dovuti tenere nel mese di maggio e di giugno – mentre la parte italiana inizia forzatamente in tono minore, ma con cinque concerti di sicuro richiamo, che vedranno protagonisti interpreti di altissimo livello.

Fin dalla prima edizione, la Route Royale della Musica si pone l’ambizioso obiettivo di contribuire a valorizzare le attrattive storico-culturali della Provincia di Cuneo, al fine di promuovere il turismo in zone di rara bellezza e ricche di grandi tradizioni. Per questo motivo, già a partire dal 2020 sono state avviate proficue collaborazioni con diversi operatori culturali, tra cui il Museo della Seta di Racconigi e le aziende di promozione turistica delle due città, in modo da creare una auspicabile azione sinergica destinata a crescere sempre di più nel corso degli anni, con conseguenti ricadute positive per tutto il territorio.  

La Route Royale della Musica è organizzata dalla sezione di Cuneo dell’associazione culturale Itinerari in Musica, una dinamica realtà culturale di recente costituzione, che si sta mettendo in grande evidenza soprattutto nella valorizzazione delle opere meno note del Barocco italiano, con speciale riferimento ai generi della cantata e dell’oratorio, con la direzione artistica del M° Luca Benedicti, da 32 anni curatore della apprezzata rassegna organistica di Cuneo.

 La rassegna avrà inizio domenica 27 settembre alle ore 17 nella Chiesa di San Giovanni Battista di Racconigi (Piazza Burzio 12) con un raffinato programma barocco, che vedrà protagonisti il soprano Maria Caruso, cantante impegnata da anni nella riscoperta del repertorio italiano fiorito a cavallo tra il XVII e il XVIII secolo e curatrice da un anno del Castello della Musica di Noceto, e l’ensemble di strumenti originali Trigono Armonico diretto dal violinista parmense Maurizio Cadossi e composto dal violoncellista Pietro Trevisiol, dalla tiorbista Tiziana Alessandra Armonia Azzone e dalla cembalista Chiara Arlati. Il programma è imperniato sulla produzione vocale di Alessandro Scarlatti, uno degli esponenti più autorevoli della celebre scuola napoletana, di cui verranno eseguite due bellissime cantate arcadiche, Appena chiudo gli occhi e Dove fuggo, a che penso, intervallate da due brillanti sonate di Nicola Matteis e del virtualmente sconosciuto Francesco Paolo Scipriani. Questo concerto si colloca nel progetto nazionale mirato alla valorizzazione della cantata barocco organizzato da Itinerari in Musica con la collaborazione della Società Italiana di Musicologia e la casa discografica inglese Elegia Classics.

 

Due giorni dopo, martedì 29 settembre alle 21, in concomitanza con la festa di san Michele Arcangelo, patrono della città di Cuneo, nella Chiesa del Sacro Cuore (Corso Nizza, Cuneo) avrà luogo il secondo concerto, con la partecipazione di Alessandra Mazzanti, organista e direttrice d’orchestra bolognese, che proporrà al pubblico un programma molto eclettico, che dalla Fantasia in re minore K. 397 di Mozart, un brano ancora strettamente legato agli stilemi settecenteschi del Classicismo viennese, si inoltrerà nella letteratura romantica, dando un occhio di riguardo ai compositori francesi noti e meno noti come Charles Gounod, Louis-James-Alfred Léfebure-Wély e Léon Boëllmann, organista di grandissimo talento scomparso nel 1897 all’età di appena 35 anni, di cui verrà presentata la toccante Prière à Notre-Dame. A questo trittico di autori francesi faranno corona il tedesco Gustav Adolf Merkel e Giuseppe Verdi, che saprà conquistare il cuore del pubblico con il meraviglioso Agnus Dei della Messa di Requiem, nella bella trascrizione di Franz Liszt.

Il terzo concerto della Route Royale della Musica ci porterà sabato 10 ottobre alle 21 nella Chiesa di Santa Maria di Cuneo (Via Santa Maria), per l’esibizione di Enrico Zanovello, organista veneto dal ricchissimo curriculum, che comprende tra le altre cose la fondazione nel 1989 e la direzione artistica dell’Orchestra Barocca “Andrea Palladio” e una serie di progetti molti ambiziosi, tra cui l’esecuzione della vasta produzione sacra di Georg Friedrich Händel nell’incantevole cornice del Teatro Olimpico di Vicenza. Nel suo concerto, Zanovello proporrà al pubblico un calibratissimo mix di capolavori barocchi e di suggestioni romantiche, che partirà dalle opere profondamente diverse tra di loro del grande Johann Sebastian e di suo figlio Johann Christoph Friedrich per arrivare a tre autori italiani poco conosciuti ma stilisticamente molto interessanti come Giovanni Morandi, Giuseppe Arrigo e Vincenzo Petrali, tra i quali si insinuerà il francese Louis-James-Alfred Léfebure-Wély con il suo malioso Cortège.

Gli ultimi due concerti della rassegna si terranno entrambi nella Chiesa del Sacro Cuore di Cuneo, il primo sabato 17 ottobre alle 21 con il vercellese Luca Antoniotti, che focalizzerà la sua attenzione su quattro autori famosi, ma molto diversi tra loro, come Johann Sebastian Bach, Wolfgang Amadeus Mozart, César Franck e Max Reger, che nel loro insieme delineano un quadro molto affascinante di due secoli di letteratura organistica, e il secondo sabato 24 ottobre alle 21, con l’inglese Edmund Aldhouse, organista della Cattedrale di Ely e apprezzato direttore di diverse formazioni corale, che si esibirà in un programma prevalentemente britannico, con una brillante silloge di opere di Henry Purcell, inarrivabile maestro del Barocco inglese e autore di una geniale sintesi degli stili francese e italiano, e i romantici Samuel Sebastian Wesley e Charles Villiers Stanford, tra i quali si inseriranno i francesi Charles-Marie Widor, Louis Vierne e Jehan Alain, fratello della celebre virtuosa Marie-Claire Alain, morto tragicamente durante la seconda guerra mondiale all’età di soli 29 anni.

Tutti i concerti sono a ingresso libero fino a esaurimento dei posti disponibili, con offerta libera 

Per la realizzazione della prima edizione della Route Royale della Musica, l’associazione culturale Itinerari in Musica ringrazia l’Amministrazione Comunale di Cuneo guidata dal sindaco Federico Borgna, l’assessora alla Cultura dott.ssa Cristina Clerico, l’Amministrazione Comunale di Racconigi guidata dal sindaco Valerio Oderda, il consigliere con delega alla Cultura dott. Andrea Capello, don Maurilio Scavino, parroco della Parrocchia di San Giovanni Battista, don Mauro Biodo, parroco della Parrocchia di Santa Maria, e don Giovanni Quaranta, parroco della Parrocchia del Sacro Cuore di Cuneo.

Tutti i concerti si terranno nel pieno rispetto della normativa anti Covid-19, con la rilevazione della temperatura all’ingresso tramite un termoscanner, l’accesso alle sole persone in possesso di una mascherina protettiva (a chi ne fosse sprovvisto lo staff della rassegna ne consegnerà gratuitamente una), l’igienizzazione delle mani tramite dispenser di gel disinfettante, il controllo del rispetto del distanziamento sociale e – alla fine del concerto – la sanificazione dell’ambiente in cui si è tenuto il concerto. 

Per ulteriori informazioni in merito, si può inviare un’email all’indirizzo info@soloclassica.com o – per i giornalisti e addetti ai lavori – chiamare il numero 349/6066951.

 

comunicato stampa

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium