/ Attualità

Attualità | 15 gennaio 2021, 12:34

Confcommercio contraria a #IoApro: “Da sempre per la legalità, lavoriamo in silenzio per ottenere ristori e liquidità”

Ieri l'incontro in Prefettura a cui hanno partecipato anche le associazioni di categoria. Il presidente Chiapella: “Il problema della tassazione locale deve essere affrontato insieme ai parlamentari della Granda”. Chiesa: “Sollecitiamo i nostri associati a comportarsi nel rispetto delle norme. Non aprite stasera”

Immagine di repertorio - Pixabay

Immagine di repertorio - Pixabay

 

“Da sempre Confcommercio opera nel segno della legalità”. Non fa giri di parole Luca Chiapella, presidente di Confcommercio Imprese per l'Italia Cuneo. L'associazione si dichiara contraria alla manifestazione di protesta #IoApro che sfida le misure anti Covid del Governo.

“Siamo convergenti sul fatto che un'associazione come la nostra non può dichiararsi verso l'illegalità e l'illecito - gli fa eco Giorgio Chiesa, presidente dell’associazione provinciale Albergatori ed esercenti turistici, vicepresidente regionale Federalberghi e rappresentante Fipe Confcommercio - Sollecitiamo i nostri associati a comportarsi nel rispetto delle norme. Non aprite stasera”.

Il fatto che il settore sia in forte crisi è sotto gli occhi di tutti.

“Ci rendiamo conto del livello di prostrazione e difficoltà di bar, ristoranti, gelaterie e pasticcerie – continua Chiapella -. Per questo stiamo lavorando in silenzio a livello confederale per ottenere ristori e liquidità. Stiamo trattando anche la tematica degli affitti e dei contributi”.

“Siamo fortementi penalizzati – aggiunge Chiesa -. La nostra categoria ha diritto ad una maggiore attenzione sotto l'aspetto tassativo e fiscale. Stiamo portando avanti istanze legate alle tasse locali, ma anche ai costi Siae, Rai, e assicurativi. Tutte tasse che, in regime di normalità, sono sostenibili ma che lavorando al 20% sono impossibili da pagare. Stiamo lavorando anche a livello nazionale in difesa e a sostegno dei nostri associati”.

Proprio ieri (giovedì 13 gennaio) si è tenuto l'incontro in Prefettura a Cuneo del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza pubblica a cui hanno partecipato forze dell'ordine e associazioni di categoria.

“In quell'occasione abbiamo affrontato con il Prefetto il problema della tassazione locale. Imu Tari e Tasi affliggono i ristoratori – dichiara Chiapella -. Su questo punto si è pensato ad un'azione condotta con i parlamentari della Provincia”.

All'incontro in Prefettura era presente anche Chiesa: “Confcommercio ha ribadito la propria intenzione di dissociarsi da qualsiasi manifestazione portata avanti da singoli in ambiti al di fuori della legalità e del lecito. Sono state rappresentate le sofferenze alle quali è sottoposto il comparto della ristorazione e più in generale di quello turistico nel suo insieme, ivi inclusi i locali da ballo”.

In ogni caso non dovrebbero essere molti i locali della Granda che partecipano alla protesta #IoApro e Confcommercio sta chiamando gli associati aderenti per farli desistere da questa iniziativa e rimanere nella legalità.

“È impensabile che un'associazione come la nostra possa spronare i propri associati a mantenere una condotta illegale, proprio noi che ogni anno organizziamo la giornata della legalità”, concludono Chiapella e Chiesa.

cristina mazzariello

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium