/ Attualità

Attualità | 23 febbraio 2021, 21:00

All'ospedale di Mondovì inaugurata la risonanza magnetica: lavorerà 13 ore al giorno (FOTO E VIDEO)

La nuova apparecchiatura, ad alto campo da 1,5 tesla, pesa 45 tonnellate. L'attività sarà pienamente operativa da aprile

Il taglio del nastro

Il taglio del nastro

L'ospedale di Mondovì ancora più all'avanguardia grazie alla risonanza magnetica nucleare. 

Il macchinario, acquistato con un importante contributo da parte di Fondazione CRC, è stato inaugurato nel pomeriggio di martedì 23 febbraio, alla presenza del presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, dell'assessore regionale alla sanità Luigi Genesio Icardi, del presidente di Fondazione CRC, Giandomenico Genta, del sindaco di Mondovì Paolo Adriano, dei vertici dell'Asl CN1, del vescovo di Mondovì Mons. Egidio Miragoli, del consigliere regionale Paolo Bongioanni e del maggiore Ambrosino Tala, comandante della Compagnia Carabinieri di Mondovì.

"In generale la risonanza magnetica è una tecnica diagnostica avanzata, utilizzata in particolare per lo studio del sistema nervoso centrale, del sistema osteoarticolare e muscolo-tendineo, degli organi addominali, specialmente del sistema biliare, dell'utero, delle ovaie e della prostata" - spiega Alberto Talenti, direttore della Radiologia di Mondovì Ceva- "Utilizza campi magnetici integrati con onde di radiofrequenza e presenta l'importante vantaggio di non esporre il paziente a radiazioni ionizzanti (raggi X). In assenza di alcune controindicazioni, che sono valutate prima dal medico richiedente e dopo dal medico radiologo, è considerata un'indagine priva di rischi. In determinate situazioni è utile l'iniezione endovenosa di una ridotta quantità di mezzo di contrasto paramagnetico, generalmente ben tollerato. In alcuni casi la Risonanza è esame migliore o addirittura sostitutivo della TAC, in altri casi le due indagini sono complementari”. 

Il progetto della risonanza magnetica è stata un'operazione voluta da tempo e, soprattutto, frutto di grande collaborazione tra i diversi enti del territorio, come ha evidenziato Genta nel corso dell'inaugurazione a cui hanno presenziato anche il vice Ezio Raviola e e consiglieri generali Giuliana Turco e Marco Formica.

La nuova apparecchiatura, ad alto campo da 1,5 tesla,  pesa 45 tonnellate e ha un consumo di 70/80 kw quando lavora e di circa 10 quando è ferma.  

Oltre a dare un maggior senso di comfort al paziente, grazie al tunnel del magnete con un diametro ampio, questa moderna strumentazione eviterà alle persone di doversi di spostarsi in altre sedi, alleggerendo così anche il sistema di prenotazioni.

Dopo un periodo di messa a punto delle sequenze, di formazione operativa e di "rodaggio", da aprile l'attività sarà a pieno regime per 13 ore giornaliere e gli utenti potranno accedere con le normali modalità di prenotazione.  

 

 

 

Arianna Pronestì

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium