ELEZIONI POLITICHE 25 SETTEMBRE 2022
 / Attualità

Attualità | 01 luglio 2021, 13:45

Da Cardè alla foce del Po, in kayak: partita l’impresa di Marzio Toniolo

L’iniziativa, alla quale ha presenziato anche il sindaco Morena, ha l’obiettivo di raccogliere fondi per supportare la prossima scuola di architettura per ragazzi e ragazze, un’attività-laboratorio senza fini di lucro, creata dall’Associazione Luca Noli

La partenza dell'impresa di Toniolo, in foto insieme al sindaco Morena

La partenza dell'impresa di Toniolo, in foto insieme al sindaco Morena

“Un Po mio”. Da Cardè, alla foce del Po, in kajak.

È l’impresa che vuole tentare Marzio Toniolo, docente e fotografo freelance, partito stamane (1 luglio) dall’intersezione tra il Rio Riondino e il Po. Obiettivo? Raccogliere risorse per l’associazione Luca Noli.

Si tratta del sodalizio in memoria di Luca Noli, scomparso prematuramente nel 2019, che ha sede a Dolianova, nel Sud Sardegna, dove Marzio ha vissuto per più di vent’anni. Si occupa di incentivare e divulgare la cultura dell’architettura, dell’arte e del paesaggio attraverso manifestazioni culturali, promozione e divulgazione artistica, sensibilizzazione e valorizzazione ambientale.

Nello specifico, l’obiettivo è quello di supportare la prossima scuola di architettura per ragazzi e ragazze, un’attività-laboratorio senza fini di lucro, creata dall’Associazione Luca Noli con la partecipazione di architetti, ingegneri, insegnanti, designer e studenti della Facoltà di Architettura di Cagliari.

I preparativi per la partenza sono iniziati stamattina, alle 8.30. Alla partenza, poco prima delle 10, ha presenziato anche il sindaco di Cardè, Matteo Morena, che, parlando del progetto, l’ha definito “una grande impresa sportiva ma soprattutto lodevole iniziativa di tutela e valorizzazione ambientale”.

Il punto di partenza dell’impresa di Toniolo, a causa del livello idrometrico basso del fiume Po, è stato spostato all’incirca un centinaio di metri a valle dal ponte di Cardè, all’altezza dell’intersezione tra il Rio Riondino e il Po.

UN PO MIO

“Il fiume più lungo d’Italia – si legge nell’incipit del progetto – dovrebbe essere un patrimonio; antropologicamente parlando, invece, ora si va dicendo che è una fogna. Screditandolo lo abbiamo rimosso.

Il Po è una cosa più viva di noi, che in pochi milioni di anni ha riempito di sabbia il mare che nel Pliocene occupava la pianura: è bellissimo e desolato come un deserto. Non ci va nessuno. Nessuno va più sul sabbione; eppure anche se ci vai da solo, al vespro, non ti senti solo: c’è il gabbiano, l’airone, il cormorano, il siluro.

Fa poco clamore quando minaccia un’alluvione, poi ritorna nell’alveo e non se ne sente più parlare. Così il Po resta deserto, ed è meraviglioso. Eppure, il fiume era una fonte di cibo, le cucine dei Campi sono piene di pesci dulcacquicoli.

L’acqua è comunque ancora trasparente e non è più sporca di località balneari blasonate. Il Po è un dio dimenticato, pagano, pieno di silenzio e meraviglia”.

IL PROGETTO

Il fiume Po ha sempre rappresentato un riferimento per la Pianura Padana, per la sua cultura ed i suoi abitanti. Il fiume, con le sue ricchezze ed il suo scorrere inesorabile, è anche la metafora della vita. Del viaggio.

Il progetto si svilupperà lungo il fiume Po, partendo dal suo primo tratto navigabile per arrivare al mare. Da Torino a Venezia, 700 chilometri in kayak per circa due settimane di navigazione e senza tappe prestabilite.

Non sarà la prima volta che qualcuno compie questo giro – afferma Toniolo – ma, probabilmente, la prima in cui verrà documentato giorno dopo giorno sui social networks”.

Il reporter dormirà in tenda ed attraccherà dove più opportuno per incontrare chi, questo fiume, lo vive e lo ama. Documenterà ogni giornata attraverso il suo account Instagram e, soprattutto, con le sue fotografie, che costituiranno il corpo del reportage di viaggio.

L’idea nasce dal desiderio di raccontare, per immagini e con i suoi diari, un viaggio in solitaria all’insegna dell’ecosostenibilità e del rispetto dei luoghi, alla scoperta delle genti, delle tradizioni e dei valori di questa fetta di territorio italiano, tanto meraviglioso quanto sottovalutato; talvolta, purtroppo, bistrattato.

Valorizzare il nostro “vicino”, il fiume, a ridosso del quale Marzio Toniolo è cresciuto (ed ancora vive), e che si fa interprete della svolta dopo la pandemia e della volontà di ricominciare, è il presupposto di un fine ulteriormente nobile: la raccolta fondi da destinare all’associazione no profit a Marzio più cara, quella che porta il nome di Luca Noli.

Un Po Mio è un’iniziativa interamente autofinanziata attraverso donazioni/sponsorizzazioni.
Un crowdfunding che intende valorizzare lo scambio, dove per ogni donazione verrà corrisposto

un premio, in edizione limitata, proporzionale all’offerta.

IL CROWFUNDING

Chi devolverà 10 euro al progetto, otterrà un ringraziamento personalizzato sui canali social o in forma cartacea, manoscritto, inviato a mezzo posta. 20 euro: shopper bag, in edizione limitata, con il logo dell’evento e una cartolina 10x15 con un’immagine del viaggio. L’immagine, a conclusione del progetto, potrà essere scel- ta tra quelle pubblicate durante il viaggio.

35 euro: t-shirt in edizione limitata con il logo dell’evento e tre cartoline 10x15 con immagini del viaggio. Le immagini, a conclusione del progetto, potranno essere scelte tra quelle pubblicate durante il viaggio.

50 euro: un pacchetto di 4 stampe 20x30, in edizione limitata (1/20) ciascuna per ogni regione attraversata durante il viaggio, su carta Permajet Matt Plus 230 Ultra White Premium. Le immagini, a conclusione del progetto, potranno essere scelte tra quelle pubblicate durante il viaggio.

70 euro: una foto istantanea, pezzo unico, scattata con Fujifilm Instax Wide. Le immagini potranno essere scelte e prenotate, già durante il viaggio, tra quelle pubblicate quotidianamente nella sezione Instax dell’account Instagram.

120 euro: tour fotografico (e gastronomico) di una giornata lungo il Po. È compreso un giro in barca per entrare a stretto contatto con il fiume. Il numero dei partecipanti è limitato (massimo 4 persone); il tour verrà organizzato nel mese di settembre 2021.

150 euro: una stampa Fine Art 40x30 in edizione limitata con tiratura 1/5 di una fotografia realizzata durante il viaggio, con Fujifilm GFX100S, su carta Hahnemühle Photo Rag Pearl. La scelta di queste immagini, inedite, avverrà a conclusione del progetto. Queste fotografie, inoltre, faranno parte della serie limitata che, successivamente, sarà disponibile per eventuali esibizioni o pubblicazioni.

200 euro: una stampa Fine Art 50x70 in edizione limitata con tiratura 1/5 di una fotografia realizzata durante il viaggio, con Fujifilm GFX100S, su carta Hahnemühle Photo Rag Pearl. La scelta di queste immagini, inedite, avverrà a conclusione del progetto. Queste fotografie, inoltre, faranno parte della serie limitata che, successivamente, sarà disponibile per eventuali esibizioni o pubblicazioni.

400 euro: un weekend con Marzio, a settembre, in kayak sul Po. Partenza il venerdì pomeriggio da Piacenza e arrivo previsto la domenica sera in provincia di Parma. Kayak, giubbotto salvagente, pagaia ed eventualmente la tenda verranno forniti dall’organizza- zione. Il numero dei partecipanti è limitato (massimo 7 persone).

La spedizione delle ricompense avverrà a partire da settembre

CHI È MARZIO TONIOLO

Marzio Toniolo è laureato in Scienze della Formazione Primaria, è docente di scuola primaria e fotografo freelance per l’agenzia Reuters. Autodidatta, il suo modo di scattare si è evoluto alla ricerca, forse non fondamentale, di un'identità; ma è l'elemento umano, in tutte le sue forme, ad affascinare ed essere sempre presente nelle sue immagini nella sua componente narrativa più che antropologica: il bisogno è quello di documentare o, meglio, raccontare.

Lo fa soprattutto durante i suoi viaggi, dall'Iran agli Usa passando per i paesi dell'area balcanica e a quelli dell’ex Unione Sovietica. Le sue foto sono state pubblicate su giornali, riviste o magazine internazionali tra cui possiamo citare CNN, Le Monde, Der Spiegel, NZZ, Liberation, Zeit, VG, Voice of America.

Nel 2020 è stato vincitore del Premio Flaiano (premio speciale, sezione giornalismo).

 

redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium