/ Attualità

Attualità | 22 luglio 2021, 11:00

L’esercito di 650 volontari al lavoro per la 100 Miglia del Monviso

Domani lo “start” dell’ultra trail. E per far sì che tutto sia perfetto, da settimane, centinaia di volontari sono al lavoro su diversi ambiti. Il sindaco di Saluzzo: “Stiamo dando grande dimostrazione di forza e coesione”

L’esercito di 650 volontari al lavoro per la 100 Miglia del Monviso

Manca sempre meno allo “start” della 100 Miglia del Monviso, l’ultra trail da 166 chilometri che partirà venerdì sera, alle 21, da Saluzzo, e che si snoderà lungo le Terres del Monviso, nella fattispecie le Valli Po e Varaita.

Un percorso da 166 chilometri, che dopo aver risalito la Val Bronda, passerà in Valle Po: Pian Pilun, Pian Munè di Paesana, poi Oncino, Ostana e Crissolo. Da Crissolo, poi, la gara “prenderà quota”, toccando i rifugi Giacoletti, Quintino Sella e Alpetto. Dal Passo di San Chiaffredo, invece, il passaggio in Valle Varaita: rifugio Bagnour, Casteldelfino, Sampeyre, Brossasco, Isasca, per poi tornare in Val Bronda e tagliare il traguardo, a Saluzzo.

8030 i metri di dislivello positivo, in un nuovo evento intervallivo, di portata internazionale: un fine settimana di sport “Terres Monviso”, un intero fine settimana dedicato alla corsa intorno al Re di Pietra.

L’evento è promosso grazie ad una sinergia tra Enti e Associazioni. Promotori sono il Comune di Saluzzo, Parco del Monviso, Unioni montane dei Comuni del Monviso e della Valle Varaita, Bacino imbrifero montano del Po e del Varaita. La Fondazione Amleto Bertoni di Saluzzo è stata individuata come Ente organizzatore, con la preziosissima consulenza tecnica di Carlo Degiovanni e delle Associazioni Podistica Valle Varaita in qualità di capofila, Atletica Saluzzo, Podistica Infernotto e Podistica Sanfront.

Intorno alla 100 Miglia del Monviso gravita il mondo del volontariato. Sono oltre 650, infatti, i volontari che da tempo lavorano affinché domani, alla partenza dell’ultra trail, tutto sia perfetto. Dagli aspetti più logistici, alla preparazione dei pacchi gara per gli atleti, passando per la pulizia di sentieri, la tracciatura del percorso, l’allestimento di una rete di comunicazione radio su tutta l’area dell’evento.

Un esercito silenzioso, che a Saluzzo stimola la riflessione del sindaco della Città, Mauro Calderoni.

Riflettevo in queste ore – ci dice il primo cittadino – della grande dimostrazione di forza e coesione che stiamo dando con le 100 Miglia del Monviso.

E su cosa ne sta venendo fuori: un evento spettacolare che promuoverà alla grande il territorio, una capacità organizzativa inimmaginabile fino a pochi mesi fa, un coinvolgimento territoriale che supera ogni immaginazione con oltre 650 volontari, decine di aziende sponsor e decine di strutture coinvolte ed entusiaste…pazzesco!

C’è chi la butta ancora in battaglia politica di partito invece è politica si, ma di territorio.

Solo uniti possiamo fare cose straordinarie. Sennò ci si accontenta di gestire la quotidianità”.

Nicolò Bertola

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium