/ Cronaca

Cronaca | 02 dicembre 2021, 13:53

Va al supermercato, nasconde la spesa nella borsa e non paga: una donna a processo

L'episodio a Carrù. Il supermarket risarcito con 200 euro

Foto generica

Foto generica

Formaggio Grana Padano, gorgonzola, pancetta, una bottiglia d’olio, della salsiccia fresca, un salame, alcuni spiedini e una pianta con un vasetto di prezzemolo: questi i proventi del “bottino” derivanti dal furto avvenuto in un supermarket di Carrù nel 2019. Presunta autrice, una donna, I.M., attualmente sotto accusa al Tribunale di Cuneo.

Secondo la ricostruzione l’imputata avrebbe prima nascosto la merce nella borsa e poi avrebbe superato le casse senza pagare. A fermarla e a chiamare i carabinieri, il responsabile della sicurezza. Il supermarket ha ottenuto il risarcimento del danno per 200 euro.

Il pubblico ministero: “Quel risarcimento non è soddisfacente non già dal punto di vista economico, ma perché si tratta di un soggetto che ha commesso il primo furto nell’anno 1975 e che si trova oggi a definire l’ennesimo furto con sette pagine di casellario alle spalle”.

Questa la requisitoria della procura conclusasi con una richiesta di condanna a 7 mesi di reclusione, oltre al pagamento di 400 euro di multa, libertà controllata e dichiarazione di delinquenza abituale.

A febbraio, l'arringa difensiva.

CharB.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium