/ Politica

Politica | 14 maggio 2022, 11:14

Barge elezioni, dopo cinque anni ancora una sfida Comba-Beccaria

Due le liste in campo “Barge Bene Comune” e “Barge Tradizione e Futuro”. Nel 2017 avevano già duellato gli stessi protagonisti: aveva avuto la meglio la sindaca uscente per 53 voti di differenza

Da sinistra Ivo Beccaria e Piera Comba

Da sinistra Ivo Beccaria e Piera Comba

Dopo cinque anni, a Barge, i protagonisti della sfida elettorale amministrativa sono ancora gli stessi. Da una parte Piera Comba, insegnante, sindaca uscente, a capo di “Barge Bene Comune”; dall’altra Ivo Beccaria, impresario edile, capogruppo dell’attuale minoranza, alla testa di “Barge Tradizione e Futuro”.

A fianco di Comba tre degli assessori uscenti: Nadia Beltramo (vicesindaco), Andrea Bruno Franco ed Elio Trecco e la consigliera Elena Donzino.

Non si ripresentano l’assessora Elisa Perassi e tre consigliere: Cinzia Carignano, Alessandra Dimichino e Federica Vottero.

Una formazione, quella di Comba, che si ripropone dunque con la quasi totale riconferma della giunta e con alcuni nuovi innesti.

Dal punto di vista politico, Comba conta sull’appoggio di due figure di rilievo della Lega locale, Beltramo e Trecco, che – nonostante la lista sia civica - hanno ricevuto l’imprimatur della segreteria provinciale.

Oltre che sul sostegno della Lega, Comba conta in questa tornata anche sull’appoggio di un gruppo costituitosi di recente, la “Buona Destra”.

Beccaria si ripresenta cambiando denominazione alla sua squadra civica: non più “Praticamente Barge”, come nel 2017, ma questa volta “Tradizione e Futuro”.

Al suo fianco, della minoranza uscente, soltanto più Monica Veglia mentre restano fuori Valerio Alberto e Valerio Ariaudo.

Beccaria, riconducibile politicamente ad una non meglio definita area di centrodestra, era stato, in passato, assessore nella giunta del sindaco Luca Colombatto, di cui sperava di raccoglierne il testimone.

Senonchè cinque anni fa Piera Comba, dopo essersi dimessa dal Consiglio comunale di Saluzzo, dove sedeva nelle fila dei Moderati, aveva stretto un patto d’acciaio tutto al femminile con Nadia Beltramo, confermando la spaccatura nella Lega scaturita nel 2012.

Allora Nadia Beltramo, disattendendo le indicazioni della Lega che avrebbe voluto un accordo col sindaco uscente, Luca Colombatto,  assessore provinciale a fianco della presidente leghista Gianna Gancia, si era candidata sindaco in formazione civica denominata “Legati a Barge”.

Era stata una lotta a tre con protagonisti, oltre a Colombatto e Beltramo, Mario Picco, marito di Piera Comba.

Colombatto nel 2012 era riuscito ad avere la meglio ed era stato riconfermato, ma si era aperto un vulnus nella Lega bargese.

Nel 2017, esauriti i due mandati consecutivi, Colombatto non era più candidabile. A cercare di assumerne l’eredita ci aveva provato Beccaria, suo assessore, ma per 53 voti l’aveva spuntata la Comba.

Il 12 giugno il duello elettorale ha dunque tutto il sapore di un tentativo di rivincita.

 

Questi i candidati alla carica di consigliere

 

BARGE BENE COMUNE

(candidata sindaco Piera Comba)

 

Nadia Beltramo

Emiliano Bonelli

Andrea Bruno

Andrea Bruno Franco

Gaia Cirina

Marina Comba

Elena Donzino

Niccolò Licata

Alessandro Lieto

Carlo Marconetto

Valentina Re

Elio Trecco

 

 

BARGE TRADIZIONE e FUTURO

(candidato sindaco Ivo Beccaria)

 

Arianna Alberto

Maurizio Beltramo

Romina Bruno Franco

Paolo Coalova

Christian Carle

Silvio Coero Borga

Mara Fosforo

Maurizio Rasetto

Francesco Roberto

Lorenzo Rossa

Monica Veglia

Elio Vignetta

GpT

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium