/ Attualità

Attualità | 23 giugno 2022, 13:24

«Botteghe dei servizi» in aree montane: la Regione stanzia 3 milioni

Nelle prossime settimane la pubblicazione del bando: il contributo massimo previsto per ogni singola domanda è di 50mila euro, di cui 30mila per investimenti e 20mila per spese di gestione

L'assessore regionale alla Montagna Fabio Carosso

L'assessore regionale alla Montagna Fabio Carosso

La Regione Piemonte continua a investire sulla montagna. Dopo il bando per incentivare la residenzialità (10 milioni), il bando sulle scuole (500mila euro), il riparto dei fondi destinati alle Unioni Montane (10 milioni e 700mila euro), la Giunta regionale, su proposta del vicepresidente e assessore alla Montagna Fabio Carosso, ha approvato la delibera che stanzia la somma complessiva di 3 milioni di euro per il mantenimento e lo sviluppo delle "botteghe dei servizi" in aree montane.

Cosa si intende per "bottega dei servizi"? Si tratta di esercizi commerciali di prossimità per la vendita al dettaglio di beni alimentari e di prima necessità, in cui si integrano attività di informazione per la cittadinanza: in sostanza veri e propri "terminali" per la pubblica amministrazione sul terrritorio e nel contempo anche esercizi che svolgono altri servizi utili a migliorare la qualità di vita dei residenti.

Nei mesi scorsi la Direzione dell'Assessorato regionale allo sviluppo della Montagna, per avere un quadro completo delle caratteristiche dei territori montani, ha avviato un'indagine conoscitiva per mappare le aree carenti di servizi e le zone di maggior fragilità economica, sociale e territoriale.

Dall'indagine, che ha interessato 440 Comuni montani con popolazione inferiore ai 5.000 abitanti, sono emerse informazioni utili sui servizi alla popolazione e sugli esercizi commerciali presenti sul territorio.

Come sottolineano il presidente e il vicepresidente della Regione, Alberto Cirio e Fabio Carosso, si tratta di "una novità assoluta per il Piemonte e di un'altra iniziativa davvero importante a favore della montagna che deve tornare a essere al centro dell'attenzione delle istituzioni per evitare la desertificazione del territorio con tutte le conseguenze negative che questo comporta dal punto di vista ambientale, sociale ed economico".

Nelle prossime settimane sarà pubblicato sul sito della Regione il bando: il contributo massimo previsto per ogni singola domanda è di 50.000 euro, di cui 30.000 per investimenti e 20.000 per spese di gestione.

C. S.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium