/ Cronaca

Cronaca | 24 gennaio 2023, 16:13

I numeri della Polizia locale delle Alpi del Mare, tra ordine pubblico e controlli stradali

Tra le varie attività anche un arresto, il sequestro di una patente falsa e tanti sequestri di auto prive di assicurazione

I numeri della Polizia locale delle Alpi del Mare, tra ordine pubblico e controlli stradali

Il 2002 è stato un anno particolarmente intenso per la Polizia Locale dell’Unione delle Alpi del mare, guidata dal comandante Cesare Cavallo. Molteplici le attività svolte che vanno dalla classica opera di controllo del rispetto del codice della strada, all’ordine pubblico passando per la Polizia giudiziaria, autorizzatoria o ambientale.

Partendo dalle attività legate alla circolazione stradale, va evidenziato che sono state una quarantina (praticamente una a settimana) le sanzioni elevate per gli automezzi privi di copertura assicurativa e praticamente giornalieri i controlli e le sanzioni effettuate nei comuni dell’Unione, Boves, Peveragno, Chiusa Pesio, Valdieri e Roaschia. Non sono poi mancati i sequestri amministrativi ed i controlli sulla sosta, anche se gli stessi rappresentano ormai soltanto una minima parte dell’attività svolta dagli agenti. Nel complesso l’attività di controllo stradale ha comportato accertamenti per circa 155mila euro e si è chiusa negli ultimi giorni dell’anno con il sequestro di una patente falsa.

Diverse anche le operazioni di Polizia giudiziaria che hanno visto la PL notiziare l’Autorità giudiziaria su diverse tipologie di reato. In uno di questi casi, gli agenti hanno anche dovuto operare un arresto in flagranza. Arresto che è stato poi convalidato dall’Autorità giudiziaria con successiva condanna. Sempre in merito alle attività di Polizia giudiziaria, il Corpo ha poi provveduto ad effettuare numerose notifiche per la Procura nonché a segnalare alla stessa i reati legati agli incidenti stradali. Sul tema va evidenziata anche l’attività di rilevamento (una trentina gli incidenti rilevati) alcuni dei quali con diversi veicoli coinvolti e feriti gravi.

A livello di controlli, particolarmente importante è stata l’attività di vigilanza in orario serale operata nel periodo estivo. Sono stati, infatti, oltre 50 i turni festivi che hanno consentito di garantire il servizio durante le tante feste nei 5 comuni. Nella prima parte dell’anno va ricordata anche l’attività di ordine pubblico legata al Covid, mentre nel periodo successivo ci si è maggiormente concentrati sulla vigilanza ambientale ed in particolare sul controllo dell’abbandono rifiuti. Un aspetto rilevante è stata anche la gestione dei mercati cittadini che, praticamente tutti i giorni della settimana (lunedì a Peveragno, mercoledì e sabato a Boves, mercoledì e giovedì a Valdieri e domenica a Chiusa Pesio), vede i “vigili” impegnati nella gestione delle piazze e nel controllo degli operatori.

“Il 2022 – ha commentato il comandante Cesare Cavallo - è stato davvero un anno intenso non solo per le tante incombenze che ci caratterizzano, ma perché abbiamo dovuto dedicare anche grande spazio all’organizzazione del servizio nei comuni, che in totale assommano oltre 20mila abitanti. Un lavoro complesso che, grazie alla grande disponibilità degli amministratori comunali e dell’Unione, sta sempre più portandoci ad una gestione unitaria e funzionale. Per questo vorrei ringraziarli e con loro anche i miei agenti, per la duttilità che hanno dimostrato nel passare dall’attività operativa a quella d’ufficio, che ci vede impegnati in attività meno visibili ma altrettanto importanti per la collettività”.

Su questo tema va sottolineato che il Corpo dell’Unione è stato molto impegnato anche su autorizzazioni e ordinanze. Sono stati, infatti, oltre 300 gli interventi di chiusura strade e piazze necessarie per fronteggiare gli eventi, i lavori o le semplici esigenze dei cittadini. Parimenti l’Ufficio ormai centralizzato ha gestito oltre un migliaio di procedure amministrative legate alle sanzioni, rilasciato tessere di parcheggio per i portatori di handicap, rilasciato concessioni per le occupazioni di suolo pubblico ed operato una significativa opera di aggiornamento della segnaletica stradale, sia orizzontale che verticale. A cavallo, invece, tra procedure interne ed esterne l’attività di controllo e gestione delle colonie feline e del recupero dei cani vaganti.

Sono state, infatti, oltre 40 le sterilizzazioni di gatti ordinate dalla Polizia locale per gestire le colonie feline in centro e nelle frazioni e numerosi i recuperi di animali da compagnia operati nel corso dell’anno. Sempre in materia di animali va sottolineata anche l’attenzione alle problematiche del benessere degli stessi a cui il Corpo ha partecipato in più di un’occasione. Non sono mancate poi tante attività legate alle scuole tra cui la vigilanza all’ingresso ed alle uscite dei numerosi plessi e quella di formazione dei ragazzi operata in collaborazione con gli istituti. Una serie di attività davvero poliedriche che dimostrano, se ve ne fosse ancora bisogno, che la Polizia Locale ha ormai assunto una valenza molto diversa da quella che, alcuni anni fa, veniva definita come “quelli che fanno le multe per divieto di sosta”.

comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium