/ Curiosità

Curiosità | 29 marzo 2023, 13:26

“Fatty Furba”: Margherita Devalle in dialogo con la generazione Z

Nei tre “Talk about Music” del progetto di Artea rivolto alle Superiori di Cuneo. La speaker e podcaster saluzzese, sarà ancora sul palco sabato 15 aprile con la rapper Epoque e a maggio con Caterina Caselli e Francesco Motta. Studenti catturati dal primo incontro sul tema di “musica e parità di genere”. In “Fatty Furba” racconta di donne forti e innovatrici nel mondo della musica

Cuneo, Talk about music, Margherita Devalle, Fatty Furba- foto Marco Rostagno

Cuneo, Talk about music, Margherita Devalle, Fatty Furba- foto Marco Rostagno

“Erano molto interessati e informati. Preparati per il talk, sulla nostra storia professionale e hanno dimostrato grande curiosità per questo lavoro. Sono rimasta piacevolmente stupita quando a fine talk ho ricevuto messaggi di ringraziamento per essere stata stimolo e punto di riferimento per continuare acredere nei loro sogni. E’ quello che ho sempre cercato anche io attraverso le interviste con Fatty Furba ed essere riuscita a passare qualcosa dal mio piccolo mi hariempito il cuore e fatto capire a mia volta che sto andando nella direzione giusta. Abbiamo smosso anime”.

Il commento è di Margherita Devalle, saluzzese d’origine, milanese di adozione, speaker radiofonica, podcaster che con Claudym cantante ed illustratrice milanese, tra i nomi più interessanti del pop emergente made in Italy, è stata protagonista di “Talk about Music”, dell’ appuntamento di sabato 18 marzo al Foro Boario di Cuneo.

Un primo incontro con gli studenti delle Superiori per il focus nel mondo della Musica e Parità di Genere, empowerment femminile e sostenibilità, nella serie diappuntamenti di “The Youth Factor" nel capoluogo della Granda, realizzato dalla  Fondazione Artea, con il patrocinio del Comune, Assessorato per la Cultura, in collaborazione con Confindustria e con il contributo di Fondazione CRC.

Le due protagoniste che hanno portato sul palco la loro esperienza di lavoro, sono

entrambe nella rosa dei personaggi che rappresentano talenti della musica e innovatori del settore, selezionate e supportate da “Keychange”, movimento promosso dall’Unione Europea in funzione di un cambiamento e di una migliore, piùinclusiva industria musicale, per le presenti e future generazioni.

“Per accelerare un processo di parità di genere in questo ambito, dove il gender gap è ancora alto. Non solo con focus sul genere, ma anche nei confronti di minoranze sottorappresentate” evidenzia Margherita, 32 anni, voce di Radio Popolare con il programma “LaFigliaDelDottore”. E’ anche presentatrice TV, autrice e conduttrice di “ Fatty Furba ”, podcast motivazionale all’insegna dell’empowerment femminile, in cui racconta storie avvincenti di donne che stanno contribuendo a rivoluzionare il mondo della musica, donne forti, modello per le nuove generazioni.

Come prende vita il progetto?

“Fatty Furba – Lavoro presso me stessa” nasce in casa. E’ un progetto personale in un momento di lockdown totale. “Fatti furba” è un modo di dire, che significa arrangiarsi e trovare sempre una soluzione con il sorriso. “Fatty Furba” quindi sono io che fin da bambina ero una gran curiosa ed esploratrice delle cose, come lo era mia nonna che si divideva tra quattro lavori e come lo è mia madre che continua a farlo. E’ una persona, come tutti noi, che a prescindere dal genere, si rimbocca le maniche e fa di tutto per realizzare il suo percorso di vita”.

Margherita Devalle ha dedicato la prima stagione del suo podcast al Festival di Sanremo. Nel 2021, per Covid non era possibile partecipare in presenza e, allora, ha raccontato la kermesse canora più famosa d’Italia come un audio romanzo, con gli aneddoti, le curiosità, le chicche, ospitando anche alcuni artisti in gara, per raccontarle insieme.

Da sempre appassionata di musica e del mondo che gli ruota intorno, dal 2016 hafatto della sua passione un mestiere, collaborando con diverse realtà del settore.

“In questo percorso ho compreso che per crescere professionalmente c’è bisogno di esempi. Per arrivare ad un lavoro, non inteso come hobby, io che sono nata in una provincia, che non sono figlia d’arte, anche se i primi incontri con la musica penso di averli inconsciamente ereditati dalle passioni dei miei nonni, da parte materna per il clarinetto, e paterna per i balli da balera, mi sono sempre dovuta cercare modelli ispirazionali, attraverso biografie, film, video di repertorio, tv e social media e soprattutto tramite tantissime esperienze e infinita gavetta che sto ancora facendo per approdare al mio lavoro.

Anche in questo mondo, sottolinea, dagli artisti ai promoter, "è evidente che non ci sia ancora parità di genere e che invece siano molte le barriere di vario tipo che impediscono a talenti “in pectore” di crescere. Magari sei bravissima, ma poi alla fine i numeri parlano chiaro, e chi arriva più in alto è quasi sempre di sesso maschile”.

Attraverso le storie di “Fatty Furba” le donne che ce l’hanno fatta possono ispirarecon il loro esempio chi è all’ascolto "dar loro uno stimolo per crescere nel proprio lavoro o far comprendere alla Gen Z che una passione, sia essa per la musica o altro, può diventare effettivamente un lavoro al di là delle barriere. Il mio desiderio è infatti quello, prossimamente, di esplorare non solo il mondo della musica ma anche altri ambiti in cui il gender gap si fa sentire e raccontarli in nuovi episodi”.

L’autrice del podcast sarà ancora a Cuneo, per un secondo appuntamento di “Talk about Music”, sabato 15 aprile per approfondire il tema “Musica e nuove generazioni”. Ovvero del rapporto musica e generazione Z, al fianco di Epoque, giovane rapper torinese di origine congolese che sta scalando le classifiche con il suo personalissimo stile.  

E ancora a maggio insieme a Caterina Caselli e al cantautore polistrumentista Francesco Motta, la podcaster condurrà il talk finale dedicato all’importanza dellamusica live.

Tutti gli incontri di “Talk About Music” sono ad ingresso gratuito, fino a esaurimento posti, con prenotazione obbligatoria su Eventbrite. Ulteriori info su www.fondazioneartea.org.

Vilma Brignone

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di Targatocn.it su WhatsApp ISCRIVITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium