/ Attualità

Attualità | 05 giugno 2023, 18:26

Al "Momigliano" di Ceva nuove aule e laboratori per conoscere emozioni, sport e mondo digitale

Questa mattina il taglio del nastro alla presenza delle autorità e del personale scolastico. Un progetto realizzato dalla scuola con il sostegno del Comune e di Fondazione CRC

Al "Momigliano" di Ceva nuove aule e laboratori per conoscere emozioni, sport e mondo digitale

L'importanza delle emozioni è stata al centro dell'inaugurazione delle nuove aule presentate questa mattina, lunedì 5 giugno, all'istituto comprensivo "Momigliano" di Ceva.

Grazie al contributo dall'amministrazione comunale di Ceva e di Fondazione CRC, la scuola ha potuto realizzare l'aula delle emozioni, il laboratorio @2.0 e l'aula "lo sport è per tutti". 

“Un saluto a tutti gli intervenuti. Ai ragazzi, ai loro docenti, ai dirigenti, al Presidente della fondazione CRC Ezio Raviola” – ha dichiarato il sindaco Vincenzo Bezzone, accogliendo i presenti – “Sono qui oggi insieme al vicesindaco Lorenzo Alliani ed il Consigliere Andrea Ferro in rappresentanza dell’amministrazione del comune di Ceva. Sono particolarmente orgoglioso di poter inaugurare i nuovi locali dell’ex direzione didattica. Ritengo che impiegare delle risorse economiche nella scuola, nella didattica sia un investimento per il futuro dei ragazzi ma soprattutto per il futuro della nostra comunità. Avere una scuola all’avanguardia ci consente di elevare la qualità dell’insegnamento e di conseguenza quella dell’apprendimento, per preparare al meglio i ragazzi al successivo percorso formativo.  Ricordatevi che la scuola non è un obbligo ma un’opportunità, non sprecatela".

"Con questo progetto - ha proseguito il primo cittadino - non si è voluto solamente creare un ulteriore spazio in termini di superficie ma puntare molto sull’aspetto inclusivo della scuola. Le dotazioni informatiche consentiranno di seguire al meglio bambini con esigenze educative speciali ed i locali curati ed attrezzati con una particolare attenzione produrranno un ambiente confortevole ed idoneo per qualunque necessità. La stessa aula dell’alfabetizzazione consentirà un maggiore aiuto per l’apprendimento della lingua italiana, progetto che il Comune di Ceva ha già condiviso lo scorso anno concedendo in quell’occasione un contributo economico alla scuola. Oggi dopo gli ultimi fatti di cronaca si parla molto della funzione dello psicologo nelle scuole. Ebbene qui abbiamo un’aula dedicata, ideata per il confronto, la prevenzione del bullismo, il disagio scolastico, un laboratorio di educazione civica, il tutto indirizzato al benessere psicologico degli alunni. Tutto è stato concepito per non lasciare nessuno indietro e preparare al meglio i ragazzi per il loro successivo percorso di studi.

Un ringraziamento particolare alla Fondazione CRC per il prezioso contributo, ai miei colleghi dell’Amministrazione Comunale, al Segretario Comunale dott.ssa Carla Bue, ai dipendenti dell’ufficio tecnico comunale, al Preside Bruno Gabetti, al Vicario del Dirigente Elisabetta Porro, a tutti i docenti ed ai ragazzi che utilizzeranno al meglio questi spazi.”

Si tratta di tre ambienti innovativi, che daranno modo agli alunni di esprimersi e potenziare le loro abilità. 

La presentazione delle nuove aule è stata al centro di una mattinata di approfondimenti che ha visto la partecipazione di numerosi alunni, accompagnati dai loro insegnanti: Emanuela Pera, Paola Merlo, Antonina Bovalina, Maria Valcada (presenti per le classi quinte); Elisabetta Garelli (medie) ed Elisabetta Porro, collaboratrice Vicaria del Dirigente che ha partecipato alla stesura dei bandi di Fondazione CRC “Spazio scuola”.

"Ringrazio -  ha detto il vice sindaco Lorenzo Alliani- il presidente della Fondazione CRC, Ezio Raviola, per la indispensabile collaborazione e per le consulenze che i suoi funzionari forniscono alle nostre realtà e il dirigente scolastico, professor Bruno Gabetti che dimostra una particolare sensibilità nei confronti della nostra scuola. Sin dall'insediamento della nostra Amministrazione comunale ci siamo concentrati sulle scuole cebane con importanti interventi strutturali e migliorativi della qualità degli spazi. Durante la pandemia e poi l'alluvione i contatti sono diventati quotidiani e familiari perché i problemi sono stati gravosi ma insieme li abbiamo ridolti. Ora con queste nuove aule multimediali avremo strumenti tecnologici innovativi a disposizione dei nostri alunni ed alunne. Il motto "Una Scuola una Città" è sempre più attuale e dimostra il livello della nostra realtà scolastica. Talvolta ingiustificatamente giudicata in modo negativo ma con una realtà invece molto positiva. La sinergia tra is tituzioni è indispensabile per far crescere un territorio e Ceva si mostra come una isola felice. Ho letto una intervista ad un dirigente scolastico del Lazio che dichiarava quanto "un insegnante talvolta si senta solo", ma a Ceva l'Amministrazione comunale sarà sempre a fianco degli insegnanti e non saranno mai soli."

Il dirigente scolastico ha poi salutato i presenti, con uno speciale messaggio per gli alunni che dalle scuole elementari si preparano ad affrontare le medie, sottolineando l'importante sinergia tra scuola e amministrazione che ha portato alla realizzazione di questo progetto. 

Al centro della mattinata gli interventi dei docenti del liceo "Vasco Beccaria Govone", Alessandra Belfiore (esperta di inclusione e autrice del libro "Help", ndr) e Andrea Sanfilippo (esperto di didattica digitale) che hanno parlato e interagito con i ragazzi del "Momigliano" su: gestione delle emozioni, bullismo e cyberbullismo, uso dei social e didattica digitale. 

La professoressa Belfiore, partendo da alcuni spezzoni del video Pixar "Inside out" ha fornito spunti di riflessione sulla natura e sull'importanza di gestire le emozioni per conoscere meglio se stessi, toccando tematiche di stringente attualità come le conseguenze che possono derivare dall'uso scorretto dei social.

In tema di 'digital' è poi intervenuto il professor Sanfilippo che ha mostrato il progetto realizzato dagli studenti del liceo economico sociale di Mondovì, attraverso il bando PNRR "Futura": un "Virtual museum" che permette a tutti di scoprire il patrimonio storico artistico e culturare dei licei e non solo (vedi qui)

Due interventi che hanno dato modo ai ragazzi di esprimere opinioni, porre domade e interrogarsi. A seguire è intervenuta Carla Bue, CSI Piemonte e i presenti sono stati invitati a visitare le aule e i laboratori.

 

Arianna Pronestì

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A FEBBRAIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di Targatocn.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium