/ Viabilità

Spazio Annunci della tua città

In ottime condizioni! Includo bauletto e 2 caschi taglia M e S. Visibile a Pinerolo. Per info contattatemi al n....

Affittasi trilocale 4/6 posti letto in Residence Blue Marine. Uso degli impianti sportivi piscina tennis bocce palestra...

Km reali iscritta ASI con CRS (possibilita` di pagare meno di assicurazione e dal 2020 tariffa ridotta anche sul bollo)...

(IM) vicinissimo piazza del mercato ampio monolocale mq 35 luminoso con parete mobile per separare zona cucina/notte,...

Che tempo fa

Cerca nel web

Viabilità | mercoledì 25 ottobre 2017, 20:35

Sottoscritto a Neive il protocollo per il ripristino della linea Alba-Asti ma il comune di Santo Stefano Belbo non firma

Il sindaco Luigi Genesio Icardi: "Dopo aver approvato un protocollo di intesa nel mese di aprile, si deve prendere atto che il testo che si propone oggi per la firma ha un contenuto sostanzialmente diverso, con previsione di costi a carico dei Comuni, non compatibili con quanto già approvato"

E’ stato sottoscritto oggi a Neive il Protocollo d’Intesa per la riattivazione delle linee ferroviarie Alba – Castagnole delle Lanze – Asti e Castagnole delle Lanze – Cantalupo, tra Regione Piemonte, Comune di Asti, Comune di Carentino, Comune di Isola d’asti, Comune di Bruno, Comune di Castelnuovo Belbo, Comune di Incisa Scapaccino, Comune di Nizza Monferrato, Comune di Calamandrana, Comune di Castiglione Tinella, Comune di Costigliole D’asti, Comune di Castagnole delle Lanze, Comune di Neive, Comune di Alba ed R.F.I. 

Il protocollo definisce le azioni congiunte mirate a pervenire alla realizzazione delle opere in tempi brevi. La Regione si impegna a definire forme di collaborazione istituzionale al fine di ricercare presso il Ministero Infrastrutture e Trasporti i fondi necessari al ripristino della linea.

L’assunzione dell’onere da parte dello Stato delle risorse per la realizzazione delle opere infrastrutturali e per la loro successiva manutenzione è stata peraltro dichiarata dal Ministero stesso.

Circa 18 milioni l’investimento complessivo a cui occorrerà far fronte per le opere infrastrutturali necessarie per la messa in sicurezza delle gallerie e il consolidamento del versante, in seguito ai gravi dissesti strutturali innescatisi nella galleria Ghersi, che avevano decretato la chiusura della linea.

Non hanno sottoscritto l'accordo il comune di Santo Stefano Belbo, Canelli, Oviglio, e Calosso. "La riattivazione della linee ferroviarie Alba-Asti costituisce certamente un obiettivo auspicato e condiviso da tempo da questa Amministrazione, tuttavia il metodo con il quale si cerca di raggiungerlo non appare parimenti condivisibile - dichiara il sindaco di Santo Stefano Belbo Luigi Genesio Icardi in un comunicato stampa -. In particolare, si deve rilevare che, dopo aver approvato un protocollo di intesa nel mese di aprile, si deve prendere atto che il testo che si propone oggi per la firma ha un contenuto sostanzialmente diverso, con previsione di costi a carico dei Comuni, non compatibili con quanto già approvato. Non ritengo pertanto sussistenti le condizioni necessarie per addivenire alla sottoscrizione del protocollo in quest’ultima versione".

"Oggi non è tempo di polemiche – ha dichiarato Francesco Balocco, assessore ai Trasporti della Regione Piemonte – ma di salutare un momento importante che porterà alla riattivazione delle tratte. Ringrazio in particolare tutti i Comuni sottoscrittori, RFI ed  i membri del comitato tecnico e l'Associazione per la valorizzazione dei territori Unesco".

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore