/ Cronaca

Spazio Annunci della tua città

Da ristrutturare, su due piani con cantina interrata, portico annesso e garage esterno a parte, con terreno annesso di...

Affittasi trilocale 4/6 posti letto in Residence Blue Marine. Uso degli impianti sportivi piscina tennis bocce palestra...

Km reali iscritta ASI con CRS (possibilita` di pagare meno di assicurazione e dal 2020 tariffa ridotta anche sul bollo)...

(IM) vicinissimo piazza del mercato ampio monolocale mq 35 luminoso con parete mobile per separare zona cucina/notte,...

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | giovedì 14 giugno 2018, 15:30

La “Strada dei Cannoni” off-limits a quad e fuoristrada per una frana sul versante della Val Maira

Lo smottamento dovuto a abbondanti nevicate prima e piogge poi, oltre ad un sistema di regimazione delle acque che pare necessiti di manutenzione. Sulla vicenda è intervenuto Alberto Anello, sindaco di Casteldelfino

La frana lungo la Strada dei Cannoni

Una frana sta rendendo – in parte - impraticabile la “Strada dei Cannoni”, la sterrata lunga poco meno di 40 chilometri, che dalla “Colletta” di Rossana giunge al Colle di Sampeyre, unendo le Valli Maira e Varaita.

Lo smottamento si registra sul versante della Val Maira, a valle del bivio che conduce al Colle di Sampeyre, con un notevole restringimento della carreggiata, tale da impedire il passaggio di mezzi a quattro ruote, come fuoristrada e quad.

Si transita, invece, a piedi, in bici oppure ancora in moto, prestando comunque la massima attenzione.

Le abbondanti nevicate della stagione invernale, seguite dalle piogge che da giorni attanagliano il nostro territorio, risultano essere le cause del movimento franoso, determinato, sembra, anche da un sistema di regimentazione delle acque che necessita di manutenzione.

Sulla vicenda è intervenuto Alberto Anello, sindaco di Casteldelfino: “La strada era stata oggetto di sopralluogo, effettuato dall’Unione montana Valle Varaita nel 2017 insieme all’Azienda turistica locale del Cuneese, che non aveva portato a nulla per l'ostracismo della parte Valle Maira.

La proposta, poi bocciata dal presidente dell’Unione Valle Maira Roberto Colombero, prevedeva un’operazione analoga a quella effettuata lungo la ‘Via del Sale’, con passaggi regolamentati e proventi da destinare alla manutenzione.

Il risultato dei divieti senza programmazione non vorrei ci facesse perdere questa importante risorsa turistica, ormai conosciuta a livello europeo da mototuristi, cicloturisti ed amanti delle cosiddette ‘Strade militari’”.

Abbiamo interpellato in merito anche Roberto Colombero, chiamato in causa dal sindaco Anello, che ha preferito non entrare nel merito della discussione.

Nicolò Bertola

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore