/ Attualità

Attualità | 03 dicembre 2019, 16:02

Cuneo pensa al 2020: via alle discussioni sul Bilancio di Previsione per il prossimo triennio

Il vicesindaco Patrizia Manassero: "Confidiamo che la Legge di Bilancio, ancora mancante, chiarisca le norme relative ad alcuni ambiti; da segnalare il basso indebitamento pro capite del Comune"

Foto generica

Foto generica

Ancora manca una Legge di Bilancio dello stato ma il Comune di Cuneo continua le proprie riflessioni in merito al proprio Bilancio di Previsione 2020-2022: nel corso della serata di ieri (lunedì 2 dicembre) la I^ Commissione consiliare si è riunita nella sala della Giunta del comune per la sua discussione e per quella del programma dei lavori pubblici.

Le norme a livello nazionale non sono ancora certe – ha specificato il vicesindaco Patrizia Manasseroe sicuramente saranno da chiarire, specie nell’ambito degli investimenti, della sicurezza scolastica e di alcune imposte, ma è necessario continuare ad aggiornare costantemente il Bilancio di Previsione, rendendolo sempre più coerente con gli obiettivi dell’amministrazione e con il Documento Unico di Programmazione”.

Nell’incontro il vicesindaco ha illustrato l’aspetto economico generale del Bilancio di Previsione – che risulta scaricabile dal sito internet del Comune di Cuneo - riservando uno spazio particolare alla tematica delle manutenzioni, “che necessita di un’attenzione particolare da parte nostra ma anche da chi sta sopra di noi e può disporre e decidere di fondi dedicati”: “Affrontare le manutenzioni, in un paese come il nostro, è praticamente un dovere morale; serve applicare un monitoraggio forte e continuativo”.

Grande spazio proprio alle manutenzioni è stato riservato nel piano investimenti per il 2020 – l’annualità su cui, ora come ora, si possono fare le previsioni più sicure e alla quale avevamo già riservato un articolo - , ovvero oltre 2.200mila euro su un totale di oltre 20 milioni.

Di questi, a occupare la percentuale maggiore sono il Piano Periferie e l’Agenda Urbana, oltre alla conclusione dei lavori per la pista ciclabile Eurovelo 8 e quella verso Madonna dell’Olmo, quelli sulla scuola materna “Cuneo 2” e quelli per la messa a norma del Padiglione dello Sport. Nelle prossime settimane, poi, dovranno trovare spazio nel piano investimenti anche alcuni di quelli relativi alle istanze presentate dai frazionisti: già conteggiati i fondi per la realizzazione degli interventi legati al P.E.B.A.S. che secondo Manassero saranno necessari per identificarne di ulteriori.

Ultimo, ma non ultimo, il discorso sull'indebitamento: il Comune di Cuneo potrà indebitarsi fino a un massimo di 186 milioni di euro ma ha in previsione di farlo per soli 9 milioni, che significa 194 euro ad abitante, un valore sostanzialmente basso.

simone giraudi

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium