/ Attualità

Attualità | 14 gennaio 2020, 10:15

Dalla Regione 683mila euro per metter mano ai danni del nubifragio che il 22 agosto ha colpito Barge

Proprio nel Municipio bargese il governatore Alberto Cirio aveva firmato, il 23 agosto, la richiesta di stato di emergenza poi trasmessa a Roma. “Il contributo – spiegano dal Municipio – giunge come un’importantissima risorsa per il nostro territorio”

Il sopralluogo di Alberto Cirio, il 23 agosto, in via Assarti a Barge

Il sopralluogo di Alberto Cirio, il 23 agosto, in via Assarti a Barge

Il 22 agosto scorso Barge, Bagnolo Piemonte e la pianura saluzzese (specialmente Cardè) furono colpite da un violentissimo nubifragio.

A partire dalle prime luci dell’alba la pioggia aveva iniziato a cadere incessante e, nel giro di 6 ore, sul suolo erano caduti 102 millimetri d’acqua, superando la soglia di 10 centimetri. Ovunque si erano registrati allagamenti, esondazioni di rii minori, smottamenti e black-out elettrici. Le strade si erano trasformate in ruscelli e, come sempre accade, era stata disposta la chiusura della strada provinciale numero 589, tra Crocera di Barge e Saluzzo, per via dell’innalzamento del livello idrometrico del torrente Ghiandone.

Il corso d’acqua che alle ore 3 del 22 agosto registrava un livello di 0,25 metri, alle 11 si era attestato a quota 4,29 metri. Il livello idrometrico, salito di oltre 4 metri nel giro di 8 ore, aveva superato la soglia di pericolo.

A Barge, in via Assarti, all'altezza del civico 15, la furia di un rio minore aveva portato al cedimento ed al crollo di un ponte, poco a valle dell’incrocio con via Colombaro (riaperta dopo i lavori di ripristino il 20 settembre, meno di un mese dopo).

Il giorno successivo, era il 23 agosto, proprio da Barge il governatore del Piemonte Alberto Cirio – accolto dal vicesindaco Nadia Beltramo e dall’assessore alla Protezione civile Elio Treccoaveva firmato la richiesta dello stato di emergenza poi trasmessa a Roma. In quella sede, aveva garantito il supporto della sua Amministrazione regionale: “Parliamo di materie sulle quali la competenza è direttamente nostra, della Regione”.

E oggi, a poco meno di cinque mesi di distanza dall’evento alluvionale, proprio la Regione Piemonte ha disposto l’assegnazione di un finanziamento di 683.200 euro a favore del Comune di Barge, destinati alla copertura economica delle opere di ripristino a seguito dei danni causati dal maltempo dell’agosto 2019.

“Questo contributo – spiegano dal Municipio – giunge come un’importantissima risorsa per il nostro territorio, e verrà destinato a tutti quegli interventi necessari, a suo tempo immediatamente segnalati dall’Amministrazione comunale alla Regione stessa”.

Lo sblocco delle risorse economiche da parte della Regione consentirà quindi di intervenire, “con la massima celerità” come spiegano da Palazzo, nella realizzazione di alcune opere idrauliche particolarmente importanti.

Si interverrà sul torrente Ghiandone, all’altezza del punto in località Broardi San Martino, sul quale corre la strada provinciale 28 che conduce ad Envie. Qui è prevista la realizzazione della protezione spondale e di 3 soglie stabilizzatrici del fondo nel tratto a monte del ponte, con il ripristino della funzionalità della soglia esistente.

Lungo via Grana, nel tratto compreso tra via Torre Moccia e la strada provinciale 28, verrà ripristinato il sistema di drenaggio laterale alla strada, così come alcuni tratte di sponde. Interventi anche sul torrente Infernotto, con il ripristino della funzionalità della soglia stabilizzatrice a valle del ponte lungo la strada provinciale 27, la rimozione del materiale di deposito, il ripristino della tombinatura di piazza della Madonna e la manutenzione travature prefabbricate danneggiate.

In via Bricco Luciano verrà ripristinata la funzionalità della strada, interessata da una frana; verrà anche ripristinato il Rivo Chialvetta, specialmente in prossimità dell’attraversamento di via Assarti (quello distrutto e ricostruito in meno di un mese), dove verrà rifatta la scogliera a valle, lungo la sponda sinistra.

Sempre con i 683mila euro regionali il Comune metterà mano alla viabilità comunale, da ripristinare, in via Gabiola, Montebracco, San Giuliano, Lungaserra, Cà Bianca, Termine e Fiorita.

Nicolò Bertola

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium