/ Attualità

Attualità | 26 febbraio 2020, 08:36

Colle dell'Agnello: 200mila euro per realizzare barriere di sicurezza a basso impatto ambientale

E' stato approvato il progetto definitivo per mettere in sicurezza la strada provinciale che, da Chianale sale a 2748 metri fino al Confine di Stato

Foto Targatocn

Foto Targatocn

E' un valico amatissimo, quasi leggendario, soprattutto per cilisti e motociclisti. Il secondo più alto d’Italia, dopo lo Stelvio e il terzo d’Europa. Non a caso sarà nuovamente protagonista del Giro d'Italia 2020, con il passaggio della carovana rosa. 

Parliamo del colle dell’Agnello, in Val Varaita, e dei suoi maestosi 2748 metri. 

Proprio per garantire la sicurezza ai tantissimi che, nel periodo di apertura estivo, lo percorrono, nei giorni scorsi la Provincia ha approvato il progetto definitivo dell’intervento per realizzare poco meno di due chilometri (1920 metri) di barriere lungo la strada provinciale 251, che parte dall’abitato di Chianale (frazione di Pontechianale) e risale fino al confine di Stato.

Progetto definitivo di 200 mila euro, che prevede la sostituzione e la nuova installazione di barriere. Saranno in acciaio corten di tipo “autopassivante” per contenere l’impatto ambientale e il livello di manutenzione delle stesse, in funzione della quota di intervento (superiore ai 1.850 metri di altitudine) e della tipologia del traffico che transita nel periodo estivo (nel periodo invernale la strada è chiusa ai mezzi).

L’intervento rientra nell’ambito del Piter (Piani integrati territoriali) che attinge a fondi europei per lo sviluppo sostenibile delle “Terres Monviso” e green economy e che riguarda, per la parte italiana, il Saluzzese e cinque valli, dall’Infernotto alla valle Stura.

bsimonelli

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium