/ Curiosità

Curiosità | 14 settembre 2020, 19:02

La spiritualità nel mondo contemporaneo al centro della XIII Summer School del Cespec

L’evento si terrà a Cuneo dal 15 al 19 settembre in presenza, con altri appuntamenti autunnali online e sul territorio. Ingresso libero su registrazione via mail o telefono

Foto generica

Foto generica

Torna a Cuneo, da martedì 15 a sabato 19 settembre, la Summer School del Cespec (Centro Studi sul Pensiero Contemporaneo) dal titolo “Destini spirituali. Miti, religioni, pratiche dell’uomo contemporaneo”. La XIII edizione sarà a partecipazione limitata per via delle linee guida sul distanziamento imposte dall’emergenza sanitaria in atto, ma non impedirà al pubblico di prendere comunque parte ai tanti seminari proposti.

L’inizio dei lavori è previsto per martedì 15 settembre, alle ore 15, presso la sede universitaria ex-Mater Amabilis di Cuneo (via Ferraris di Celle, 2) con un seminario sul tema “Soggettività e spiritualità nell’era ipermoderna” con gli interventi di Paolo Costa (Fondazione Bruno Kessler) e Glauco Piccione (Università di Genova). La Summer School 2020, che si svolge grazie al contributo di Fondazione Crc e Fondazione Crt, si presenta come una settimana di lezioni e seminari che si svolgeranno nella città di Cuneo fino al 19 settembre e altri eventi correlati in programma sul territorio il prossimo autunno.

Parteciperanno studenti universitari e giovani studiosi provenienti da tutta Italia, ai quali sarà offerta la possibilità di prendere parte attivamente agli incontri presentando relazioni nel corso delle sessioni della Scuola e intervenendo ad un workshop loro dedicato. La Summer School si svolge in collaborazione e con il patrocinio di Città di Cuneo, Alliance Française, Dipartimento di Giurisprudenza UniTo, Dipartimento di Filosofia e Scienze dell’Educazione UniTo, Istituto Superiore di Scienze Religiose – Studio Teologico Interdiocesano Fossano, Centro Culturale Protestante, Lions Club Cuneo, Liceo “G. Peano – S. Pellico” di Cuneo. Tutti gli appuntamenti sono gratuiti (fino ad esaurimento posti) previa registrazione all’indirizzo mail centrostudi.cespec@gmail.com o telefonando al numero 338/4719823. Alle attività in presenza farà seguito un ricco calendario di iniziative online, per le quali si invita a visitare il sito www.cespec.it e la pagina facebook del Cespec.

L’edizione 2020 della Summer School affronterà il problema del rapporto tra religione e sfera pubblica a partire da una prospettiva molto specifica – dichiara il presidente del Cespec, Mauro Mantelli - . Le domande centrali saranno: qual è il ruolo giocato dalla prospettiva religiosa nei processi di produzione delle identità individuali e collettive nel mondo contemporaneo? Cosa ne è del “fedele” nel nostro mondo, dominato dalle nuove forme di comunicazione, di intrattenimento e di lavoro? Come si intreccia questa figura soggettiva con le nuove figure dell’utente, del prosumer, del cittadino globale e digitale? Sembra che le società contemporanee industrializzate non abbiano più spazio per questa figura: essere “fedeli” o “credenti” oggi appare inattuale e il discorso circa la vita spirituale degli individui non è più al centro del dibattito pubblico. Al tempo stesso, tuttavia, figure di credenti continuano a imporsi all’attenzione pubblica: il fondamentalista, innanzitutto, ma anche il visionario, il businessman lungimirante, completamente dedito al proprio lavoro e dunque devoto a una sorta di religione civile. Si registrano ancora forme di vita ascetica, così come modalità di vita in comune tenute insieme da prospettive escatologiche o fideistiche di vario genere. Lo stesso vale per forme di spiritualità sempre nuove, che si intrecciano con la vita contemporanea e danno origine a nuovi stili di vita. L’edizione 2020 si concentrerà, innanzitutto, su questi nuovi stili di vita del credente, analizzandone la dimensione esistenziale e socio-politica, ma anche mettendo al centro del discorso le nuove forme di credenza che costituiscono l’ossatura di quegli stili di vita stessi”.

Oltre alle sessioni settimanali, si terrà anche un workshop dedicato agli studenti e curato da Raffaele Alberto Ventura, scrittore e giornalista attivo in Italia e in Francia, dal titolo “Come definire il lavoro intellettuale?”, in programma venerdì 18 settembre, alle ore 15, presso la sede universitaria ex-Mater Amabilis di Cuneo (via Ferraris di Celle, 2). Ad alcuni studenti verrà proposta la partecipazione attiva alla sessione in qualità di discussant, con interventi elaborati a partire da una bibliografia messa a punto dal curatore. La Summer School terminerà sabato 19 settembre alle 10 presso la sede del Cespec (corso Kennedy 5F) con un dibattito seminariale conclusivo riservato ai soci del Cespec.

comunicato stampa

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium