/ Attualità

Attualità | 31 maggio 2021, 17:42

"La montagna piange! L'indotto ha subito uno scossone esagerato, lo Stato provveda!"

Riceviamo e pubblichiamo le riflessioni dell'imprenditore monregalese Paolo Manera sulla situazione dei territori montani, danneggiati dalla mancata partenza della stagione sciistica, che ora fanno i conti con il maltempo

"La montagna piange! L'indotto ha subito uno scossone esagerato, lo Stato provveda!"

"La montagna piange! Dopo un inverno in cui siamo stati ingiustamente chiusi e relegati in quota, il tempo e il meteo non ci aiutano: l’alternarsi di sole e pioggia non agevolano gli imprenditori del settore turistico, ormai in ginocchio" - scrive Paolo Manera, imprenditore di montagna - "L’indotto della montagna, e quello correlato di valle, hanno subito uno scossone esagerato. Il silenzio assordante che aleggia attorno a questo comparto è agghiacciante. Speriamo con con le nuove norme in vigore dal 1° giugno si apra uno spiraglio per la ripresa. Ricordo alle istituzioni nazionali che i montanari pagano le tasse come tutti gli altri e sono assoggettati agli stessi adempimenti burocratici del resto del paese, quindi si prendano provvedimenti per aiutarli! I territori di montagna danno tanto alle valli, un solo esempio: l’acqua.  Cosa succederebbe se i montanari chiudessero i rubinetti? Quindi lo stato che ha chiuso i rubinetti alla montagna mediti e rifletta sullo scambio di intenti e provveda per ciò che è stato tolto!"

Al direttore

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium