/ Attualità

Attualità | 06 luglio 2021, 18:18

Cuneo e provincia terreno fertile per l'innovazione. Presentata la programmazione 2021-23 di "Grand-Up"

La prima iniziativa in calendario, realizzata all’interno della linea Impact, è la GrandUP! Impact Mountain school:4 giornate, dall’1 al 4 settembre, nella Borgata Paraloup di Rittana, insieme a esperti di Innovazione Sociale e di montagna

Cuneo e provincia terreno fertile per l'innovazione. Presentata la programmazione 2021-23 di "Grand-Up"

La Granda. Territorio fertile per l'innovazione e per le startup.

Potenzialità che il progetto "Grand Up" vuole continuare a coltivare. Partito nel 2018 con Fondazione Crc capofila e in collaborazione con la Camera di Commercio di Cuneo la next step. Quello della nuova programmazione triennale 2021-2023 con l'inserimento di un nuovo ambito di intervento. 

Oltre all'impact - dedicato a rafforzare lo sviluppo di imprese a impatto sociale, a stimolare la partecipazione attiva della comunità e a diffondere conoscenza sui temi dell'innovazione sociale - si aggiunge la parte tech con il sostegno alle nuove imprese ad alto contenuto tecnologico e all’avvio di processi di open innovation.

"A tre anni di distanza  - ha spiegato nel corso della presentazione presso il Varco Auditorium di Cuneo il direttore della Fondazione Crc Andrea Silvestri - possiamo dire che la semina ha dato i suoi frutti. L'obiettivo, con l'aggiunta di "Grand-Up Tech!" è mobilitare la migliori energie per fare della provincia di Cuneo un terreno fertile per l'innovazione. Il ruolo di Fondazione non è stato solo quello di erogatore di fondi. Ma anche di pungolo per smuovere le migliori risorse della proprio comunità."

Sul palco del Varco anche i protagonisti di quest'iniziativa. Con SocialFare, il centro per l'innovazione sociale, e I3P il più grande incubatore pubblico in Italia collegato con il Politecnico di Torino e che opera con oltre 400 aziende in tutta Italia.

Con loro si è cercato di analizzare, insieme a Marco Dotti, giornalista di Vita Magazine, quali sono le potenzialità innovatrici della Granda. Una terra lontana dall'immaginario hi-tech della Silicon Valley.

Un mito, però, sfatato dai due esperti.

"Cuneo è area più interessante rispetto ad altre dove sperimentare - ha spiegato la Ceo di SocialFare Laura Orestano - Nel 2018 cercavamo questo tipo di aree, contemporaneamente la Fondazione si apriva sempre di più a indagare come l'innovazione sociale potesse essere una leva per il territorio. E così, con GrandUp è come se la Fondazione avesse investito in una startup territoriale."

I punti di potenzialità in questo territorio sono da riferirsi - secondo gli esperti intervenuti - a un patrimonio di comunità, molte sparse, a un forte capitale relazionale e di sfide interessanti per chi opera con l'innovazione. In primis quello delle aree interne, ma anche di possibilità di sviluppo per "nuove economie". 

Come spiegato dalla dottoressa Orestano la provincia di Cuneo è un'area che durante il Covid ha perso meno punti di Pil e si sta riprendendo con un maggiore rimbalzo rispetto ad altri territori. Questo per: "Una grande traduzione di cooperazione sociale." Per il "'Know how' importante del tessuto imprenditoriale." E siccome la Granda è "una comunità che sa mettersi insieme per creare resilienza".

"Da un punto di vista teorico - ha concluso la Ceo di SocialFare - Grandup é stato visto come un caso unico di innovazione sistemica del territorio."


A questo si aggiunge la "Forte vocazione imprenditoriale della Granda, tra i territori più vocati all'export in Italia." ha spiegato il presidente dell'incubatore I3P Giuseppe Scellato.

"Da oltre 20 anni l'Incubatore del Politecnico di Torino si dedica a sostenere   l'ecosistema dell'imprenditorialità, con l'obiettivo di generare sviluppo economico e occupazionale nelle filiere industriali innovative."

"Crediamo fortemente - ha concluso Scellato - nelle capacità di sviluppo tecnologico e di innovazione di questo territorio, su cui abbiamo già svolto attività di promozione della cultura d'impresa raccogliendo un forte interesse; per questo abbiamo scelto di lanciare un programma di attività rivolto a futuri imprenditori, con incontri di formazione, consulenza e networking, eun percorso sul tema dell'Open Innovation, che coinvolgerà imprese, stakeholder e investitori locali”.

La prima iniziativa in calendario, realizzata all’interno della  linea  Impact,  è  la GrandUP! Impact Mountain school:4  giornate, dall’1 al 4 settembre,  nella Borgata  Paraloup di Rittana, insieme  a esperti  di Innovazione Sociale e di montagna, per conoscere le opportunità imprenditoriali a impatto sociale nelle aree interne  attraverso un  programma  denso  di  incontri,  stimoli  e  occasioni  di  confronto.

La call è  aperta a partecipanti da tutta Italia, per partecipare è necessario inviare la propria candidatura entro il 25 luglio 2021 su www.grandup.orghttp://www.grandup.org/

"Abbiamo unito passione e competenza - ha commentato il vice presidente di Fondazione Crc Francesco Cappello   - coinvolgendo  due  partner  che  per  primi sono  stati  degli  innovatori  nel  proprio  campo.  Con questa  terza  edizione  del  progetto  vogliamo  continuare  il  lavoro  fatto  per  rendere  la  nostra  provincia  un ecosistema dell’innovazione, dove le idee possano trovare spazio e sostegno per diventare progetti capaci di generare opportunità occupazionali, promuovere la coesione sociale e ridurre le disuguaglianze”

Daniele Caponnetto

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium