/ Attualità

Attualità | 05 ottobre 2021, 10:54

Curato al Cras di Bernezzo, uno splendido esemplare di biancone ha ripreso il suo lungo viaggio verso l'Africa

E' stato liberato in Valle Grana nei giorni scorsi. Chiamato anche l'aquila dei serpenti, era rimasto ferito nei pressi di Villar San Costanzo

Curato al Cras di Bernezzo, uno splendido esemplare di biancone ha ripreso il suo lungo viaggio verso l'Africa

Lo scorso 30 settembre i volontari del CRAS (Centro recupero animali selvatici) di Bernezzo hanno liberato uno splendido esemplare di biancone, conosciuto anche come l'aquila dei serpenti, proprio perché i rettili, con gli anfibi, sono la sua principale preda.

Il rapace era arrivato al Centro lo scorso 27 settembre, recuperato in seguito a un trauma da urto a Villar San Costanzo.

Un maschio adulto in migrazione. Questi splendidi rapaci percorrono importanti distanze per raggiungere i luoghi di svernamento in Africa. Il 30 settembre è stato liberato a Valgrana, e ha potuto così continuare il suo lungo viaggio.

La migrazione è un comportamento di adattamento in risposta alla diminuzione delle sue prede nel periodo invernale. Grazie a una maggiore tutela la specie ha visto negli ultimi anni un aumento della consistenza delle popolazioni.

Barbara Simonelli

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium