/ Attualità

Attualità | 06 dicembre 2022, 09:44

Svelata la vettura scelta per il progetto “Restauro Auto d’Epoca”: è una “Topolino”

Sarà la storica vettura di casa Fiat ad accompagnare l’iniziativa promossa da “Mondovì e Motori”, volta ad avvicinare le scuole al mondo delle auto d’epoca

Svelata la vettura scelta per il progetto “Restauro Auto d’Epoca”: è una “Topolino”

Dopo il successo raggiunto durante il 2022, si rinnova anche per l’anno prossimo, il progetto promosso da “Mondovì e Motori” dedicato al restauro delle vetture d’epoca, che accompagnerà nuovamente i ragazzi del “CFP Cebano Monregalese” e “Cigna – Baruffi – Garelli” alla scoperta di questo affascinante mondo.  Un’importante iniziativa che è stata presentata nella mattinata di lunedì 5 dicembre all’interno dell’Istituto Professionale “Garelli”, rinnovando la stretta collaborazione nata tra il comitato di “Mondovì e Motori” e gli Istituti.

Un’occasione importante, volta a raccogliere il passaggio di consegne tra lo scorso restauro e quello che verrà. Erano infatti presenti entrambe le vetture, la X1/9 Bertone, oggetto della scorsa iniziativa, e la “Topolino”, la storica utilitaria di casa Fiat, che gli studenti avranno modo di conoscere e restaurare durante il 2023. Un ottimo palcoscenico per richiamare nuovamente la sinergia tra “Mondovì e Motori”, l’Associazione La Funicolare e le scuole, come sottolineato dalle parole dal Dirigente Scolastico del “Cigna – Baruffi – Garelli”, Giacomo Melino: "Ringrazio Enzo Garelli, il comitato e l’Associazione La Funicolare per questa bellissima possibilità che ci è stata data. È un progetto nel quale crediamo ed i feedback che abbiamo avuto dai ragazzi sono stati molto positivi". Un pensiero condiviso dal Direttore del “Centro Formazione Cebano Monregalese”, Marco Lombardi, che ha rilanciato sulle possibilità che i ragazzi possono trarre da iniziative come queste. Diversi gli interventi degli studenti presenti in sala, i quali hanno voluto raccontare le loro esperienze, che hanno visto il supporto dei propri professori e dei maestri restauratori Stefano Mirto e Marino Musso.

Un appuntamento con la storia, che nel 2023 continuerà a risuonare grazie al supporto dell’ideatore del progetto, Enzo Garelli. Dalla X1/9, alla “Topolino”, la mission è sempre la medesima, come traspare dalle sue parole: "Ringrazio le scuole per aver afferrato l’obiettivo e credere in questo progetto. Collezionismo, riparazione ed insegnamenti, tre parole che hanno dato vita ad un bellissimo connubio, che anche il prossimo anno ci regalerà un altro restauro. Dopo la X1/9 dello scorso anno, continueremo con una Topolino, vettura alla quale sono particolarmente legato essendo stata la mia prima auto. Un modello particolare, denominata anche come auto del popolo, visto il suo lato economico".

È seguito poi l’intervento dell’ideatore del “Week End con le Vecchie Signore”, Mario Garbolino, il quale nonostante la sua assenza, ha voluto comunque portare i saluti tramite una bellissima video-intervista. "Una bellissima iniziativa che da qualche tempo è diventata parte di Mondovì e Motori. Ringrazio tutti i collaboratori che quotidianamente lavorano per la riuscita della manifestazione, che porta in seno questi bellissimi progetti. In particolar modo vorrei portare un ringraziamento ad Enzo Garelli, per la professionalità e la disponibilità dimostrata". Un’occasione utile per rilanciare l’edizione 2023 di Mondovì e Motori, che andrà in scena i 21,22 e 23 luglio prossimi e che vede già in moto la macchina organizzativa. Un appuntamento possibile grazie al supporto costante dell’ASI e del Ruote D’Epoca Riviera Dei Fiori, per il quale ha portato i saluti il presidente Augusto Zerbone.

Un progetto ed una manifestazione che negli anni hanno portato un’importante sinergia sul territorio, come affermato dall’Assessore al Commercio e al Bilancio del Comune di Mondovì, Alberto Rabbia: "un evento unico in Italia, un progetto importante al quale crede molto tutta l’amministrazione comunale e della quale siamo sicuri crescerà ancora molto". Importante anche l’appoggio della Fondazione Cassa Risparmio di Cuneo, che ha visto l’intervento del Consigliere Generale Carlo Comino: "La missione della fondazione sta nel cercare lo sviluppo nel territorio ed in eventi come questi troviamo il giusto compromesso. I miei complimenti a tutti gli interlocutori di questo progetto".

La presentazione si è chiusa con i saluti finali del conservatore e responsabile del “Centro restauro del Museo Nazionale dell’automobile”, Davide Lorenzone e del Presidente dell’Associazione La Funicolare, Mattia Germone: "Un progetto importante, come d’altra parte tutto il contesto di Mondovì e Motori, che permette di rendere grande il nostro territorio. La nostra associazione è da sempre al fianco di questo comitato che quotidianamente si impegna per creare nuovi ed importanti programmi".

 

comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium