/ Attualità

Attualità | 18 maggio 2024, 16:01

Piazza Europa, la maggioranza (coesa) risponde agli ‘incatenati’: “Cedri puro pretesto per la sopraffazione politica”

Centro per Cuneo, Crescere Insieme, Cuneo Solidale e Democratica e Partito Democratico commentano le esternazioni che hanno seguito la commissione consiliare in cui è stato presentato il progetto della nuova piazza, privo delle dieci piante attuali

Il municipio di Cuneo

Il municipio di Cuneo

Un comunicato congiunto, firmato da tutti e quattro i gruppi che compongono – ad oggi – la maggioranza consigliare della città di Cuneo, ovvero Centro per Cuneo, Crescere Insieme, Cuneo Solidale e Democratica e Partito Democratico: il tema, una risposta alle recenti esternazioni delle forze di minoranza e di parte della popolazione che hanno seguito la presentazione del progetto di fattibilità tecnico-economica del restyling di piazza Europa.

Una dichiarazione forte e, soprattutto, coesa che all’indomani di una riunione di maggioranza necessaria, a seguito degli scossoni che hanno caratterizzato le sedute di Consiglio comunale del mese scorso e che sono stati ingenerati dalle discussioni relativamente alle nomine del cda della Fondazione CRC, ma che sembra essere soltanto primo passo per una “verifica” di maggioranza probabilmente più ampia e complessa.

Noi, gruppi di maggioranza, crediamo fortemente nel progetto di riqualificazione di Piazza Europa: le indicazioni progettuali che ci sono state presentate l’altra sera in commissione consiliare rispondono alle esigenze di avere una piazza che possa essere fruibile, versatile e bella” si legge nel comunicato.

I dati dei progettisti hanno evidenziato che l’intervento porterà un aumento del verde e assicurerà la deimpermeabilizzazione del selciato della piazza. Questi sono due elementi che rendono avvincente e sostenibile il progetto – proseguono i gruppi - . Il quale prevede inoltre che la porzione sfruttabile della piazza si estenda e si faccia veramente luogo di incontro, in particolare per i tanti giovani che la frequentano all'uscita dalle scuole, capace di ospitare una varietà molto ampia di attività e iniziative che l’assetto attuale della piazza non permette”.

Il desiderio di riqualificare, cambiare, innovare una porzione vitale della città perché sia a beneficio di tutti risponde alla insoddisfazione di tantissimi rispetto a una piazza oggi poco fruibile e funzionale. Risponde al desiderio di chi non ha paura del cambiamento, perché guarda al futuro in maniera responsabile”.

Il nodo dei cedri: “Puro pretesto”

Il punto più critico – e che proprio ieri (venerdì 17 maggio) ha portato i consiglieri di minoranza in piazza – è la scomparsa dei dieci cedri dell’Atlante, sostituiti però con una quantità “di verde” molto superiore.

Mentre la città, con il Cuneo montagna festival, pullula di eventi di successo dedicati alla montagna, alla natura, alla cultura, alle relazioni da riscoprire, l'opposizione vuole semplicemente attirare l’attenzione su di sé e generare una spaccatura in città, attaccandosi a 10 piante che comunque in quello spazio sono destinate a morire perché troppo grandi e inadatte a quel contesto – commentano le quattro forze di maggioranza - . Sappiamo bene che oggi gli urbanisti e gli architetti non pianterebbero più in città alberi di così alto fusto, la cui vita è sacrificata, in un contesto non consono al loro sviluppo".

"Si fa un uso pretestuoso dei cedri, sfruttando la sensibilità ambientale delle persone che certamente è meritevole e pregevole, per cercare mera sopraffazione politica. Sappiamo che il fronte del no è sempre più rumoroso del fronte del sì. Vogliamo con responsabilità, attenzione, cura, rispondere al bisogno di una città che grazie a oculati interventi di riqualificazione potrà essere ancora più bella, accogliente, sostenibile".

Simone Giraudi

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di Targatocn.it su WhatsApp ISCRIVITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium