/ Attualità

Attualità | 04 luglio 2020, 07:54

Lequio Berria (e l'alta Langa) piangono "Ngiulin", Giordano Giuseppe Angelo

Nato a Lequio Berria il 23 marzo 1930, ha dedicato la propria vita al lavoro agricolo. Lascia i figli Franca, Bruno, Renato e Donatella

Giordano Giuseppe Angelo

Giordano Giuseppe Angelo

Le Langhe piangono Giordano Giuseppe Angelo, conosciuto da tutti come "Ngiulin".

Nato a Lequio Berria il 23 marzo 1930, ha dedicato la propria vita al lavoro agricolo. Contoterzista, allevatore ed esperto di bovini, è stato tra i primi a coltivare il fagiolo Bianco di Spagna, mettendo la sua esperienza a disposizione al mondo della ricerca agricola. Grande produttore di nocciole della varietà "Tonda Gentile delle Langhe, sempre pronto a sperimentare nuovi modi per la coltivazione, aveva anche avviato un piccolo vivaio molto selezionato e le sue piantine erano ricercatissime da chi volesse realizzare nuovi impianti.

Era il riferimento per il paese e l’alta Langa. Il suo parere era sempre richiesto prima di qualsiasi scelta. Con lui scompare un altro pezzo di Langa, ma con la consapevolezza che i suoi insegnamenti hanno lasciato la traccia da seguire per il futuro. Oltre 30 anni fa, in una intervista televisiva a Lequio Berria in occasione della Sagra del Fagiolo, gli era stato chiesto come vedeva il futuro delle Langhe; senza battere ciglio lui aveva risposto che lì vicino c’era un paese chiamato Montelupo, e che secondo lui i lupi non sarebbero tardati ad arrivare.

Lascia i figli Franca, Bruno, Renato e Donatella.

Santo rosario venerdì 3 luglio ore 21 presso l’abitazione in Via San Rocco 18 a Lequio Berria. Funerale sabato 4 luglio ore 9,45 a Lequio Berria. 

comunicato stampa

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium