/ Attualità

Attualità | 11 settembre 2020, 18:07

Centro Cicogne di Racconigi, sempre più volatili lo scelgono come oasi di passaggio, rifugio serale, tappa ristoro, infermeria

Anche se una cicogna nata qui, ha preferito la Francia per vivere. Grazie all’inanellamento è possibile rileggere la storia individuale degli animali. Trovato nelle Langhe un Piovanello Tridattilo, che generalmente corre sulle spiagge africane e dell’Europa meridionale

Foto Filippo Marmo

Foto Filippo Marmo

Sempre più al centro dell’attenzione il Centro Cicogne di Racconigi che è stato recentemente oggetto ( il 29 agosto) da parte del Tg 3 Itinerante, di un servizio sull’oasi, dove arrivano volatili in difficoltà  e dove vivono in libertà tantissime specie di uccelli.

"La zona umida di Racconigi è anche rifugio serale di diverse specie di arteidi: airone cenerino, garzetta nitticora e anche qualche airone bianco maggiore" come informa la veterinaria del centro Gabriella Vaschetti.

Trovato in Langa, due giorni fa , è stato ricoverato qui un Piovanello Tridattilo, piccolo trampoliere, migratore a lungo-raggio che nidifica sulle coste della tundra artica e sverna sui litorali/estuari dell'Africa e dell'Europa meridionale. È infatti usuale osservarlo correre a rapidi passi sulle spiagge, inseguendo il moto ondoso per cercare invertebrati di cui alimentarsi. “Il "nostro" piovanello non è ferito – commenta la veterinaria  -  ma parecchio dimagrito: dovrebbe seguire le coste e invece....era in Langa! D'altra parte si sa che gli uccelli non sanno leggere i testi scientifici". 

All’oasi che è anche Centro Cras per il recupero i animali selvatici, arrivano rapaci bisognosi di cure  e di riabilitazione al volo, magari colpiti da proiettili o vittime di incidenti. In questi  giorni è entrata nella voliera tunnel ( una trentina di metri con lunotto che si apre direttamente nel bosco) una giovane femmina di Astore, per tornare prossimamente a volare.

Fortunatamente la struttura "riabilitativa" non ha subito danni per la tromba d’aria  che si è abbattuta una settimana fa, ma che ha invece creato, nonostante la manutenzione botanica effettuata nel lockdown, problemi all’ ambiente dell’oasi e ha divelto una trentina di alberi.

In conseguenza di questa e delle forti piogge sono arrivati al centro tanti volatili in difficoltà e l’infermeria sovraffollata ha ora  la necessità di essere ingrandita, sottolinea  la veterinaria.

Tra le star dell'oasi le cicogne e i loro grandi nidi. Con belle storie da raccontare. L’ultima è i  resoconto  della vita di una cicogna, nata a Racconigi e inanellata da piccola nel nido, nel 2012.

Quell’anno stesso si è spostata in Spagna, poi si sono perse  le tracce  (nessuno ha più  letto l’anello ) - spiega Gabriella Vaschetti. Nel  2016 è ricomparsa in Francia in Camargue e a luglio di quest’anno nel parco de La Combe. "Una cicogna che quindi ha  8 anni, che sicuramente si è riprodotta, ma non è più ritornata da noi, Ha perso l’affezione al nido.  Effettivamente la fedeltà è abbastanza bassa e la convinzione del ritorno al proprio nido non è così vera, come si è riscontrato anche nella rondine.

I giovani di cicogna partono dal sito di nascita e stanno in giro per tre anni, non riproducendosi fino al quarto anno. Solo da quell’anno cercano un posto per nidificare. Luogo in cui generalmente tornano se ha offerto buone garanzie di riproduzione e allevamento  dei piccoli.

Siamo contenti lo stesso anche se questa cicogna ha scelto di rimanere in Francia".

Conoscere i suoi spostamenti è l’utilità dell’inanellamento, che è una tecnica scientifica di marcaggio individuale degli animali. In ogni paese c’è un istituto di riferimento, in Italia è l’Istra.

"E, noi abbiamo un patentino che autorizza alla cattura e inanellamento degli animali in genere. Grazie alla rilettura  dell'anello si riesce a risalire alla storia individuale dell’animale, senza doverlo prendere. Nel caso delle cicogne avendo gambe molto lunghe l’anello si vede bene, anche a distanza, con un cannocchiale o binocolo.

L’invito  che si può è quindi, quando si vedono cicogne in giro con l’anello alle zampe, di scattare una fotografia, per poter tracciare le tappe della sua vita".

L’oasi nonostante i danneggiamenti della tromba d’aria è agibile e aperta al pubblico: dal martedì alla domenica.Altre info sul sito: https://cicogneracconigi.it    

 

vilma brignone

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium