/ Attualità

Attualità | 01 ottobre 2020, 16:30

La segnalazione di un lettore: “A Pratonevoso una discarica a cielo aperto”. Replica il sindaco Bertolino

Il primo cittadino: “Da diversi mesi cerchiamo di porre rimedio al comportamento di molte persone incivili”

Le foto inviateci dal lettore

Le foto inviateci dal lettore

Alla vigilia del “Galà della Castagna d’Oro”, in programma a Frabosa Sottana, giunge in redazione la segnalazione di un lettore.

“Domenica prossima si concluderà l’evento, occasione per festeggiare la ripresa delle attività dopo il lockdown e per guardare con fiducia alla nuova stagione invernale. – scrive il lettore – È annunciata la presenza delle massime autorità piemontesi della politica e della finanza.

Ma c'è un ma: chi percorre la via Monte Moro, a Pratonevoso, si imbatte in una discarica a cielo aperto, che comprende materiale altamente tossico. 

Le foto sono eloquenti; in più, la discarica si trova a 20 metri dalla cisterna dell'acquedotto che serve tutta la zona, con grave rischio di inquinamento e di pericolo perla salute pubblica. Oltre alle manifestazioni a sostegno del turismo è prioritario rispettare e far rispettare leggi e regolamenti in materia di tutela ambientale.

Possibile che il sindaco e l’Amministrazione comunale consentano una simile illegalità sul proprio territorio mettendo a rischio la salute pubblica? Occorre sempre aspettare l'intervento delle autorità sanitarie e giudiziarie?”

Interrogativi che abbiamo posto a stretto giro al primo cittadino di Frabosa Sottana, Adriano Bertolino.

Da diversi mesi cerchiamo di porre rimedio al comportamento di molte persone incivili. - chiarisce il sindaco – Per evitare che rifiuti ingombranti e/o dannosi per la salute vengano abbandonati in strada o in altre aree, dove certamente non verrebbero smaltiti e causerebbero davvero gravi danni all’ambiente, abbiamo cercato di individuare un luogo unico per il conferimento.

Sappiamo bene che quella che viene definita come una ‘discarica a cielo aperto’ non è in un punto nascosto ma, al momento, risulta la soluzione migliore, grazie al proprietario del terreno che lo ha messo a disposizione per questo scopo e all’ACEM che si occupa della raccolta.

Ci tengo a precisare inoltre che nei prossimi giorni l’area verrà svuotata, come è già stato fatto nei mesi precedenti”. 

redazione

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium