/ Attualità

Attualità | 26 novembre 2020, 15:10

A Mondovì è nato il "bosco della pace", un'iniziativa del progetto "Ambientiamoci"

Il bosco, realizzato in occasione della giornata mondiale degli alberi, si trova in via Alba in un terreno comunale lungo la strada, dietro la scuola materna e la bocciofila e vicino alla ferrovia

A Mondovì è nato il "bosco della pace", un'iniziativa del progetto "Ambientiamoci"

Nel silenzio della zona rossa a Mondovì, in occasione della giornata nazionale degli alberi, lo scorso 21 novembre, è nato il "bosco della pace", un'iniziativa promossa dalle associazioni del progetto "Ambientiamoci". 

Il bosco si trova in via Alba in un terreno comunale lungo la strada, dietro la scuola materna e la bocciofila, vicino alla ferrovia.

"È a due passi dalla sede dell’associazione dei Mussulmani di via Cuneo e vicino alla Stazione, sede di MondoQui, due delle Comunità che hanno portato avanti il progetto" - spiegano i promotori dell'iniziativa - "Il nome è stato scelto con un sondaggio tra i volontari delle associazioni. Gli alberi sono stati scelti dai volontari e poi prelevati al vivaio e piantati a cura dell’Ufficio Verde Pubblico del Comune (che ringraziamo!), su impulso dell’assessorato all’Ambiente (che stra-ringraziamo!). Purtroppo, causa confinamento, nessun volontario ha potuto presenziare alla piantumazione, che però è stata realizzata in base al disegno del volontario Maurizio Pilone che, insieme a Pietro Anania, ha portato avanti con impegno e determinazione l’idea del boschetto".

Il bosco al momento è composto da 12 piccoli alberi: tre betulle, un ginko biloba, due gelsi, tre sorbi, un ontano, un salice e un frassino.

"Ci eravamo rassegnati a rinviare la piantumazione, che invece è stata fatta dal Comune, perché è l’autunno la stagione migliore per piantare gli alberi" - aggiungono le associazioni del progetto "Ambientiamoci" - "L’inaugurazione la faremo quando si potrà, chissà, forse in primavera. Appena sarà possibile arrederemo il boschetto con cartelli esplicativi e protezioni per i piantini (ne hanno bisogno perché per ora i più piccoli si distinguono a fatica dall’erba, segnalati soprattutto dai pezzi di nylon messi dai tecnici comunali per fermare le erbacce intorno agli alberelli)".

Dall’altro lato del lungo prato di via Alba, il comune, in questi giorni, ha sistemato un vivaio, con 360 piantine che in futuro saranno trapiantante, per rendere Mondovì sempre più bella, verde e ombreggiata. Un vivaio simile è già presente in via Leopardi dietro la Scuola del Ferrone. 

Partecipano al progetto (e saranno abbinate a un albero) le seguenti comunità: gruppi di preghiera evangelici “La Puissance De La Parole” di Carassone Follone, “Missione Internationale della Evangelizzazione” e “Missione mondiale esercito di Gesù Cristo”; le Comunità musulmane di via Cuneo e di via Langhe; la Comunità ortodossa di piazza Mellano; l’Associazione nigeriana “Edo State Community”; l’Associazione MondoQui, il Caffè Sociale e la Biblioteca equilibri. Aderiscono anche Comizio Agrario, Orto della Socialità del Centro Diurno l’Alveare con coop. Caracol, Puliamo il Mondo(vì), Legambiente Cuneo, il Progetto 7000 querce, Movimento per la Decrescita Felice di Cuneo, Ecobeinale Magliano Alpi., Progetto Sprar/Siproimi del Consorzio Servizi Socioassistenziali del Monregalese. 

Arianna P.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium