/ Attualità

Attualità | 22 ottobre 2021, 14:14

Nei cimiteri di Cuneo, Savigliano, Fossano e Saluzzo il ricordo dei bambini non nati

La Comunità Papa Giovanni XXIII, i Cav e la Ciao Lapo di Fossano, con le diocesi, invitano a fare memoria, insieme ai loro genitori, di tutti i bambini morti prima di nascere o alla nascita nelle giornate del 1° e 2 novembre

Nei cimiteri di Cuneo, Savigliano, Fossano e Saluzzo il ricordo dei bambini non nati

La Comunità Papa Giovanni XXIII, i Cav e la Ciao Lapo di Fossano, con le diocesi, invitano a fare memoria, insieme ai loro genitori, di tutti i bambini morti prima di nascere o alla nascita il 1° novembre nei cimiteri di Cuneo, Fossano e Savigliano e nel cimitero di Saluzzo il 2 novembre.

Alcuni perché il Padre li ha chiamati a sé, molti altri perché è stato loro impedito il diritto alla vita con l’interruzione volontaria di gravidanza o vittime della fecondazione artificiale o dei mezzi contraccettivi abortivi (spirale, pillole del giorno dopo, dei 5 giorni dopo, ru486,…).

Negli ospedali di Cuneo, Savigliano e Mondovì, nel 2020, 241 bambini sono morti per aborto spontaneo e 409 per aborto volontario.

Di queste piccole vittime tendiamo tutti a dimenticarcene.

Don Oreste Benzi, fondatore della Comunità Papa Giovanni XXIII, spese tutta la sua vita per dare voce agli ultimi e ai piccoli, e chi più di un bimbo nel grembo materno non viene ascoltato se indesiderato, inopportuno o malato?  Le azioni che Don Oreste portava avanti non erano mai contro qualcuno. Egli incontrava la sofferenza delle persone e sulla base di questa innalzava al Padre la sua supplica, stimolando in chi gli stava accanto un desiderio di bene e di giustizia. È con questo spirito che i promotori della preghiera invitano a fare memoria di tutti i piccoli e invocare la pace per coloro che si sono lasciati tentare dal sopprimere la vita. La recita del rosario e la deposizione di un fiore vogliono essere un segno per rendere omaggio e dignità a ognuno di questi nostri fratelli la cui vita non dipende da quanti giorni è durata, ma dall’essere stata amata da Dio e creata a sua immagine e somiglianza per l’immortalità. Vogliono inoltre dare, a chi ha perso la sua creatura, qualunque sia stata la causa, uno spazio di elaborazione del lutto nella pace della preghiera e nel silenzio di un cimitero, ad un lutto tanto frequente quanto soffocato che provoca spesso dolore nella solitudine ed è difficile da elaborare. Si pregherà anche per tutte quelle persone che non sono state raggiunte con una proposta concreta alternativa all’aborto.

Un invito speciale è rivolto ai genitori, fratelli, sorelle, nonni, famigliari e a chi desidera fare memoria di questi piccoli.

Quest’anno ricorderemo questi piccoli tornati prematuramente al Padre nel cimitero di Savigliano il 1° novembre alle ore 14, a cui seguirà la messa alle ore 14.30, nel cimitero di Fossano alle ore 14.30, a cui seguirà la messa alle ore 15 celebrata dal vescovo Mons. Piero Delbosco, nel cimitero di Cuneo alle ore 15 e nel cimitero di Saluzzo il 2 novembre nella Messa celebrata dal vescovo Mons. Cristiano Bodo alle ore 15.

Don Oreste Benzi iniziò questa preghiera proprio presso il cimitero di Rimini e quello fu l’ultimo appuntamento a cui non riuscì più a partecipare per motivi di salute: morì la notte successiva, tra l’ 1 e il 2 novembre.  In sua memoria continua questa preghiera in ricordo di questi piccoli.

comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium