ELEZIONI POLITICHE 25 SETTEMBRE 2022
 / Attualità

Attualità | 30 novembre 2021, 10:17

Canale, nel nuovo libro di Gino Scarsi l'epopea del castello del Tuerdo

La presentazione del volume edito da Araba Fenice sabato 11 dicembre presso la Biblioteca Comunale "Prof. Pietro Cauda"

Gino Scarsi

Gino Scarsi

Sarà una data a suo modo memorabile, quella di sabato 11 dicembre, per la realtà canalese. Perché, innanzitutto, si parlerà di storia e di radici, di fatti e di origini, tutti elementi filtrati a partire dalla ricerca (con una fonte primaria eccezionale: gli studi universitari compiuti a suo tempo dall'indimenticato Renato Bordone), e tutti diretti al linguaggio del romanzo.

Come? Tra le pagine del libro, fresco di stampa, dal titolo “10 cugini e la storia del Tuerdo” edito da Araba Fenice: esito felice di una sorta di patto tra l'autore Gino Scarsi, e tutto ciò che ruota intorno a quello che era il borgo castellano di sommità posto nelle Rocche, non lontano dal bricco di San Nicolao il quale offre ora il nome alla locale oasi naturalistica creata da Canale Ecologia.

Un patto, dicevamo: una sfida col tempo remoto, per un maniero scomparso violentemente in epoca medioevale, all'epoca dei più aspri conflitti tra la nostra terra e Asti, nemico giurato.

Era un luogo dotato di una certa funzione strategica, e retto dalla famiglia dei “domini di Gorzano” caduti in disgrazia proprio agli occhi di Asti che fu costante nemica di un Albese e un Roero costituiti in lega antagonista sotto la forma dell’Astisio.

Per via della loro ribellione, nel 1274 furono aggrediti da 200 uomini delle forze astigiane: e fu una sorta di Alamo roerina, per un Tuerdo che cadde dopo strenua resistenza. Difficile confermare le tesi del Ventura, cronaca dell’epoca, per il quale fu strage di uomini e donne, senza distinzione: altre fonti riescono a stabilire con certezza la sola fine “fisica” di questo posto, in una storia che portò l’area a spopolarsi e a far crescere la nascente comunità canalese, la “villa nova”.

Una sfida di anni, un continuo reperire tracce di quel luogo, un percorso iniziato negli Anni '90: per Gino, classe '48, artigiano del ferro e di numerosi altri metalli e argomenti, attivista ambientale, serio appassionato del Roero in ogni suo aspetto. A forza di scavare, un paio d'anni fa riportò materialmente alla luce un tratto delle mura del Tuerdo: e a forza di ingegnarsi, ora, giunge a questa sua prima “vera” fatica letteraria. Sarà presentata con il supporto della biblioteca civica “Prof. Pietro Cauda” nella sede di piazza Italia: a partire dalle 16, con ingresso rigorosamente libero, in un appuntamento rientrante nel progetto “Pesca un libro” curato con il patrocinio della Fondazione Crc, e che mira proprio a creare occasioni di partecipazione culturale nella capitale del pesco.

Di questo racconto, dei suoi protagonisti, il critico letterario Giovanni Tesio ha scritto: «Scendere nelle viscere di un luogo – in questa narrazione il Tuerdo, sito dei signori di Gorzano – è estrarne la remota lezione. Un luogo di distruzione brutale e immotivata che viene a galla come un reperto di consapevolezza nuova. Scavo dunque storico e metaforico: storico per la sua consistenza documentale, metaforico per la sua valenza simbolica».

Sarà anche un modo per capire un po' di più sull'eterno interrogativo per cui “Canale è così, proprio perché é così”.
Paolo Destefanis, a nome della Commissione Cultura comunale, aggiunge: «Siamo lieti di accogliere questo evento, che rientra a pieno titolo nel progetto di coinvolgimento culturale attuato dalla biblioteca nell'ambito del piano “Pesca un Libro”, e ringraziamo sinceramente la Fondazione Crc che ci aiuta costantemente. Tutti saranno attesi a questo vernissage, abbinata alla presentazione del plastico realizzato dallo stesso Scarsi e che ricostruisce in ogni dettaglio le “Rocche Abitate” del periodo medioevale. Ça va sans dire, sarà obbligatorio disporre del Green Pass».

Il presidente precisa: «Quella di sabato sarà solo una delle occasioni più imminenti, tra quelle in programma con la biblioteca nelle prossime settimane. Domenica 19 dicembre saremo operativi insieme al gruppo Roero Rosa per il concerto in piazza con il Rejoicing Gospel Choir e con una serie di laboratori creativi per bambini nei locali della nostra sede: e poi, nel 2022, stiamo preparando un evento che cercherà di convogliare a Canale storia, arte figurativa, editoria e spettacolo. Restrizioni permettendo, ci faremo trovare pronti».

Comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium