/ Farinél

Farinél | 07 aprile 2024, 11:45

Farinél/ L’esempio di Lello per ricordarci quanto siamo fortunati a poter camminare sulla spiaggia

Lello Marangio, costretto su una sedia a rotelle a causa degli effetti della polio, ha emozionato il pubblico della Sala Beppe Fenoglio nel convegno “Tutti i cittadini hanno pari dignità” voluto dal garante delle persone con disabilità Orsola Bonino con l’assessorato ai servizi sociali di Alba.

Farinél/ L’esempio di Lello per ricordarci quanto siamo fortunati a poter camminare sulla spiaggia

Sta arrivando la bella stagione, in molti di voi si saranno già concessi una capatina al mare, molti altri se la concederanno a breve. Provate a immaginarvi in piedi sul bagnasciuga a camminare mano nella mano con la persona che amate, con i vostri figli o con il vostro cane o anche da soli lasciandovi accarezzare dalla brezza marina. Quante volte lo avrete fatto? Quante volte lo rifarete? Immagino tante. Quante volte avrete pensato: “Quanto sono fortunato a poter camminare sul bagnasciuga?”.

Immagino nessuna.

Passeggiare sulla spiaggia, una cosa normale per tutti, noi rappresenta il sogno più grande per Lello Marangio, umorista, autore, regista e sceneggiatore di origine napoletana per programmi di successo come Zelig, Colorado, Maurizio Costanzo Show e molti altri, costretto su una sedia a rotelle dai tre mesi di età, a causa della poliomielite.

Lello ama il mare, ama nuotare, ha persino compiuto una grande impresa attraversando a nuoto lo Stretto di Messina, perché in mare può liberarsi di quelle protesi che lo accompagnano ogni giorno e sentirsi semplicemente libero. Sulla terra ferma è tutta un’altra storia e pensare di poter camminare su una spiaggia come fanno tutte le “ciambelle uscite con il buco”, come Lello definisce le persone come il sottoscritto, che danno per scontato di poter camminare sulla spiaggia, diventa il più grande dei sogni.

Solitamente è la carrozzina la prima cosa che notiamo in un disabile, nel caso di Lello, no. Nel caso di Lello arriva molto prima il sorriso accompagnato da una risata contagiosa.

Lello Marangio è in quel sorriso, non è la sua carrozzina, non sono le protesi, non è nella distrazione del Buon Dio che, parole sue, si è concentrato troppo sul sopra del suo corpo facendolo troppo bello dimenticandosi il sotto.

Lello è così, ha passato la vita a far ridere della sua disabilità chi lo guardava con pietà e compassione e a far ridere, più in generale, ma non è fatto di pietra e alla fine si è commosso, dopo aver scherzato per ore, durante l’incontro “Tutti i cittadini hanno pari dignità”, voluto dal garante delle persone con disabilità Orsola Bonino con l’assessorato ai servizi sociali di Alba di ieri, sabato 6 aprile.

Si è commosso ricordando la mamma che non lo ha mai fatto sentire “difettoso”, ma anche ricordando gli episodi di bullismo subiti in tenera età, quando nel suo quartiere, Secondigliano, veniva preso in giro dai coetanei per la sua difficoltà nel muoversi.

Piccoli momenti di commozione in mezzo a un mare di risate e non può essere altrimenti parlando con un uomo che si definisce una ciambella uscita senza buco, che dice di aver inventato la posizione H per fare sesso con la moglie sfatando un tabù, quello della sessualità dei disabili, di cui mai si parla, che intitola il proprio primo libro “Al mio segnale scatenate l’infermo” e che mal sopporta chi parla di disabilità cercando compassione e pietismo.

L’incontro con Lello è uno di quegli incontri che ti rendono migliore perché ti fanno capire di essere davanti a uno dei migliori, a un uomo che ieri, a bordo della sua carrozzella, è sfrecciato in centro al cortile della Maddalena, ha fatto due giravolte, ha urlato che la vita è bella e ci ha invitato dietro di lui per scattare la foto che vedete in questo articolo, una foto che porterò sempre nel cuore e in cui la carrozzina di Lello non si vede, ma in cui campeggia il suo sorriso a ricordarci quanto siamo fortunati a poter passeggiare lungo una spiaggia.

Marcello Pasquero

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium