/ Eventi

Spazio Annunci della tua città

Mi chiamo Andrea Panarese e sono un libraio antiquario. Acquisto libri antichi in Liguria e dintorni. Mi trovate anche...

Società di trasporti a Torino assume autista di scarrabile e bilico con patentino ADR. Inviare curriculum via mail ...

Strepitosa occasione composta da soggiorno più angolo cottura due camere ,,gran terrazzo più grande giardino...

Coldelite 3002 RTX, 12 pozzetti, attrezzature Officine bano, Frigoriferi ISA BT e TN da 700 lt, Montapanna Carpegiani...

Che tempo fa

Cerca nel web

Eventi | sabato 30 agosto 2014, 12:44

Prosegue con grande successo lo Street Food Vegetariano di Libereso Guglielmi

Il giardiniere di Calvino, autore del nuovo "Ricette per ogni stagione", accompagna la cuoca itinerante Sara Samuel portando nelle strade la scelta vegetariana

E’ partito nei giorni scorsi da Dronero lo Street Food Vegetariano firmato Libereso Guglielmi.

Nell’ambito della manifestazione l’ “Isola dei libri”  la cuoca itinerante Sara Samuel a bordo della sua “Cucina su ruote” ha presentato il nuovo progetto di cucina vegetariana di strada, che propone la rivisitazione in chiave gourmet delle ricette del giardiniere di Calvino contenute nel suo ultimo libro “Ricette per ogni stagione”.

L’evento ha riscosso un grande successo ed un pubblico molto numeroso ha potuto gustare un menù appositamente preparato per l’occasione utilizzando prodotti biologici e rigorosamente di stagione: dalle melanzane a beccafico, alle frittatine con le erbette passando per i gnocchetti e gli spiedini di verdure.In base alle ultime indagini pubblicate quasi un italiano su dieci segue con costanza un'alimentazione vegetariana.

Un risultato nettamente superiore ai valori del 2013, in cui l'approccio vegetariano si era attestato al 7% degli italiani, e dimostra che il numero di chi non mangia carne e pesce tende a crescere. Nel 2012 era intorno al 4%, in pratica i vegetariani sono quasi triplicati negli ultimi anni. Lo sanno bene anche i ristoratori più attenti, che hanno inserito nei loro menù delle proposte rigorosamente senza carne e pesce.

Le motivazioni della scelta vegetariana sono molteplici: dalla maggiore attenzione e rispetto per gli animali, i “nostri fratelli e amici” per usare una definizione cara a Libereso, all’adozione di un diverso stile di vita, che ci porta ad avere maggiore cura della nostra salute ed una maggiore sensibilità verso l'ambiente, anche attraverso la riduzione dello spreco alimentare. I dati delle indagini dimostrano anche che cresce l’interesse degli italiani rispetto all'alimentazione biologica: un italiano su due inserisce nella spesa con regolarità alcuni prodotti biologici,  riconoscendo che danno maggiori garanzie per la nostra salute e per l’ambiente, anche se il prezzo di questi alimenti appare elevato e non sempre giustificato.

In questo contesto appare sicuramente coraggiosa la scelta di Sara di uscire dal suo ristorante con la cucina e le pentole per andare a cercare in strada i clienti. Un’alternativa salutista agli hamburgher, kebab e i fritti offerti oggi con grande generosità dalla cucina di strada.

Con questo progetto vogliamo portare fuori dalla nicchia la cucina d’autore vegetariana e metterla a disposizone di un pubblico più vasto  – ci ha detto la cuoca, commentando il successo dell’iniziativa  – e il risultato di questa due giorni conferma che la scelta vegetariana è in costante aumento anche fra i turisti. Con le nostre preparazioni abbiamo dimostrato che è possibile proporre una cucina di grande livello ed in grado di soddisfare anche i gourmet più esigenti anche senza utilizzare carne o pesce, rispettando l’ambiente e con prodotti del territorio”.

Per chi vuole seguire le avventure di Sara e la sua  cucina buona, artigianale, espressa e territoriale qui  trova tutte le informazioni per seguire le sue uscite o invitarla a portare la cucina su due ruote all’interno delle fiere oppure a casa vostra per le vostre feste private.

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore