/ Attualità

Attualità | 24 giugno 2016, 11:28

Il mio bambino, affetto da autismo, è stato escluso dall'estate bimbi a Borgo San Dalmazzo

Lo sfogo di Monica, una mamma, che parla a nome di altre cinque famiglie del paese, nella stessa situazione. L'assessora Giorda: "La cooperativa ci ha chiesto 5000 euro. Purtroppo non li abbiamo né possiamo metterli a bilancio a causa dei vincoli che siamo obbligati a rispettare"

Immagine di repertorio da flickr.com

Immagine di repertorio da flickr.com

Ci scrive Monica, la mamma di un bambino con autismo, residente a Borgo san Dalmazzo.

Questa estate, con mio immenso dispiacere non posso iscrivere il bambino all'estate bimbi perché è disabile e quindi necessità di un assistente solo per lui. E sembra che né chi gestisce l'estate bimbi né il Comune abbiano i fondi per fare in modo che mio figlio e altri bimbi abbiano la giusta assistenza. ..

una domanda mi sorge spontanea in questo caso non si tratta di discriminazione? La legge prevede l'inclusione di bimbi con disabilità con gli altri: allora perché è così difficile iscrivere mio figlio all'estate bimbi della mia città? Perché i fondi per abbellire il paese o per cose di secondaria importanza si trovano sempre? Soldi tra l'altro della collettività. I bambini e le famiglie andrebbero tutelate, sempre, bisognerebbe solo iniziare a capire quali sono le priorità e dove è necessario investire. Naturalmente prima di scrivere a lei mi sono rivolta sia al sindaco, sia a chi si occupa della scuola, la risposta è stata la stessa; per i bambini con disabilità niente asilo estivo. Se ne riparlerà forse il prossimo anno! Inaudito!

Questo lo sfogo della signora Monica, che vive una situazione condivisa da altri genitori di cinque bambini, anch’essi affetti da autismo, tutti in età prescolare, quindi dai 3 ai 6 anni.

La questione è stata ampiamente condivisa con l’amministrazione, perché Monica, come ha specificato, ha parlato sia con il sindaco che, più volte, con l’assessora competente, Luisa Giorda. Che ci ha confermato: “Prima dell’anno prossimo non potremo intervenire”.

Per il Comune, che ha chiesto un preventivo direttamente alla cooperativa che gestisce l’estate bimbi, il costo delle assistenti di questi sei bambini, che hanno bisogno di un’attenzione esclusiva, è di 5000 euro per un mese, quello di luglio. “Non è una cifra astronomica – riconosce l’assessora, - ma purtroppo non è stata messa a bilancio e con i vincoli che ci vengono imposti non possiamo fare alcuna variazione. Questo tipo di assistenza non rientra nelle autonomie, che il Comune è tenuto a dare, ma l'estate bimbi è un servizio diverso dalla scuola. Per le autonomie il Comune spende 70mila euro l'anno, dobbiamo valutare di estendere l'investimento all'intero anno, non solo al periodo scolastico”.

E aggiunge: “E' la prima volta che si pone questo problema. Ci siamo resi conto che le certificazioni sono in aumento. Anche per questo siamo in contatto con la referente per le disabilità della scuola materna di Borgo, con l’Asl e la neuropsichiatria infantile per capire come intervenire e cosa fare come Comune. Quest’anno purtroppo non potremo fare niente per i bimbi, ma per il prossimo anno ci organizzeremo. Capisco, prima di tutto come madre, che la risposta dell’amministrazione non sia soddisfacente, ma i vincoli che ci vengono imposti dall’alto non consentono, per quest’anno, di agire diversamente”.

bsimonelli

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium