/ Cronaca

Cronaca | 21 febbraio 2020, 09:00

Completamente rientrata l’emergenza incendio a Envie: coinvolti oltre 30 uomini, una decina di mezzi e due elicotteri (Foto e video)

Le fiamme nell’area di rocca Bert, una zona accessibile da via Sasia. Hanno operato Aib, Vigili del fuoco, Carabinieri, Protezione civile, dipendenti comunali. Il sindaco Mellano: “Ho percepito solidarietà e partecipazione di tutti, volontari e non solo. Senza il loro intervento sarebbe accaduto il peggio”

Le operazioni di spegnimento

Le operazioni di spegnimento

È completamente rientrata ieri sera (giovedì) l’emergenza legata all’incendio boschivo scoppiato nel pomeriggio sul versante del Mombracco a monte dell’abitato di Envie.

Le fiamme si sono sviluppate nell’area di rocca Bert, una zona accessibile da via Sasia. L’allarme è scattato intorno alle 13.30, e sul posto sono intervenute celermente Vigili del fuoco e squadre Anti incendi boschivi.

A formare il contingente di uomini impegnati nella lotta alle fiamme, più di 30 operatori, tra pompieri e volontari Aib. I Vigili del fuoco sono intervenuti con le squadre di Barge e Saluzzo e, complessivamente, con quattro mezzi: due “aps” (auto-pompa-serbatoio) e due mezzi fuoristrada dotati di modulo per lo spegnimento di incendi boschivi.

Il Corpo Aib è stato impegnato con le squadre di Bagnolo Piemonte, Sanfront, Paesana e Valle Bronda, con un totale di cinque mezzi: un’autobotte e quattro fuoristrada, sempre dotati di modulo antincendio boschivo. Sul posto anche i Carabinieri Forestali e i Carabinieri di Revello, con il comandante di stazione Patrizio Sau.

Dall’alto, invece, hanno dato un supporto fondamentale alle operazioni di spegnimento due elicotteri: il primo ad intervenire è stato quello del sistema antincendio regionale, dotato di benna, che – con una serie di rotazioni – ha gettato sul fronte di fuoco centinaia di litri d’acqua.

Successivamente, poi, è giunto a dar manforte anche un Erickson S64 in dotazione ai Vigili del fuoco, decollato dall’aeroporto di Levaldigi: anch’esso ha compiuto diverse rotazioni.

Da Cuneo è stato mandato a Envie un direttore delle operazioni di spegnimento (Dos), che oltre a coordinare gli uomini a terra, ha gestito i voli degli elicotteri.

Proprio grazie al supporto della flotta aerea è stato possibile contenere il rogo, mentre da terra, le squadre di pompieri e Aib non hanno mai smesso di operare. In questo modo, a pomeriggio inoltrato, la situazione è tornata ampiamente sotto controllo.

Estinte le fiamme, sono iniziate le operazioni di bonifica, che sono durate, come anticipato, sino a tarda sera, affidate poi alle squadre Anti incendio boschivo.

Il sindaco del paese, Roberto Mellano, attraverso le pagine del nostro giornale estendere “un sentimento di viva gratitudine a quanti sono intervenuti per bloccare le fiamme, che stavano risalendo in modo preoccupante il Monbracco.

In tanti si sono messi all’opera – continua Mellano -: Aib, Vigili del fuoco, gli equipaggi degli elicotteri, determinanti nella lotta alle fiamme, Protezione civile, Carabinieri.

Da Revello, il sindaco Daniele Mattio mi ha chiamato per garantirmi massima disponibilità: ho percepito solidarietà e partecipazione di tutti, volontari e non solo. Senza il loro intervento sarebbe accaduto il peggio.

Un lavoro encomiabile, anche da parte del nostro dipendente Fabrizio Biancotto, che ha fatto rientrare il nostro operaio che con l’ausilio di una terna ha rimosso una frana che ostruiva il passaggio sulla pista forestale”.

Nicolò Bertola

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium