/ Attualità

Attualità | 12 aprile 2021, 13:01

Mondovì, la messa in sicurezza del teatro sociale di Piazza prelude a un progetto più ampio

Il Sindaco Adriano: "Abbandonato da decenni, ora tutta la città può riappropriarsene". L'amministrazione sta lavorando per la realizzazione di un accesso dal retro dell'edificio e dal quale si dipanerà una passerella che permetterà di arrivare fino a quella che una volta era la platea

L'interno del teatro in una delle immagini diffuse dal Comune

L'interno del teatro in una delle immagini diffuse dal Comune

Sono quasi giunti al termine i lavori di messa in sicurezza del teatro sociale di Mondovì Piazza, un piccolo gioiello ottocentesco dimenticato per decenni. 

Nella giornata di ieri, sabato 10 aprile, l'amministrazione ha condiviso con i cittadini alcuni scatti in anteprima del cantiere (leggi qui), prima tappa di un progetto più ampio che ha come obiettivo quello di restituire la possibilità di vedere l'interno del teatro a residenti e turisti. 

"Si avviano alla conclusione i lavori relativi alla messa in sicurezza del Teatro Sociale, un investimento di 500 mila euro che consente di ritenere sicuro tutto l'edificio e che ha permesso di intervenire sulla facciata e sul tetto, vale a dire le parti più ammalorate e quelle di maggiore pericolosità per l'incolumità pubblica" - commenta il sindaco, Paolo Adriano.

"La messa in sicurezza prelude ad una nuova forma di utilizzo: come avremmo potuto non pensare ad una modalità di 'restituzione' di questo bene storico alla fruizione da parte di cittadini e turisti?" - prosegue il vice sindaco e assessore alla cultura, Luca Olivieri

La risposta è racchiusa nell'idea di Sandra Carboni, assessore ai Lavori Pubblici, che spiega: "Nuove risorse saranno necessarie per realizzare l'accesso alla struttura, attraverso l'entrata che è sul retro dell'edificio e dalla quale si dipanerà una passerella che permetterà di arrivare fino a quella che una volta era la platea. Una passeggiata sospesa, in un luogo a cavallo del tempo".

L'intervento verrà sottoposto a brevissimo alla Soprintendenza, mentre l'amministrazione sta già lavorando per mettere a disposizione i fondi necessari.

"Guardiamo al futuro con fiducia perché continua il lavoro utile per restituire ai monregalesi ed ai turisti l'anima della nostra città, quella storico-culturale che ci consentirà di essere pronti per la ripartenza: Polo delle Orfane, Infinitum, Teatro Sociale, Mondovì Sotterranea sono 4 progetti che nel 2017 non c'erano" - concludono dall'amministrazione.

Arianna P.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium