/ Attualità

Attualità | 27 maggio 2021, 18:07

33 incidenti in 4 anni: ecco perchè nel quartiere San Paolo di Cuneo è stata scelta la Zona 30

L'amministrazione in particolare ha scelto di intervenire sugli incroci, dove sono avvenuti i principali sinistri con feriti. Poi lo strumento "chicane" e la tecnica del cosiddetto “urbanismo tattico”

33 incidenti in 4 anni: ecco perchè nel quartiere San Paolo di Cuneo è stata scelta la Zona 30

In attuazione dei piani della mobilità e del traffico approvati dal Consiglio Comunale, la viabilità del quartiere San Paolo-Cuneo2 dal 17 novembre 2020 ha visto una modifica sostanziale con l’introduzione della cosiddetta Zona 30 (sono presenti agli ingressi del quartiere i segnali stradali identificativi previsti dal codice della Strada) che limita la velocità dei conducenti dei mezzi motorizzati in transito a 30 chilometri orari al fine di garantire maggiore sicurezza alle persone che vivono nel quartiere.

Oltre l’aspetto puramente formale, è evidente che la sola segnaletica non è mai sufficiente a raggiungere gli obiettivi per una Zona 30 e pertanto è stato previsto di adottare un insieme di misure che, modificando la struttura e l’utilizzabilità delle strade, possa limitare effettivamente la velocità massima raggiungibile dai veicoli al fine di raggiungere la maggior sicurezza stradale anche per non dover avere un controllo esplicito da parte delle forze dell’ordine, in quanto il rispetto dei limiti di velocità e, più in generale, il comportamento virtuoso è promosso e incentivato dalla struttura stessa delle strade.

Lo studio realizzato, e in fase di attuazione, ha anche tenuto conto dell’analisi degli incidenti stradali che, negli ultimi 4 anni (dal 2017 al 2020), ammontano a 33 sinistri rilevati (in parte con feriti) dalle forze dell’ordine e inseriti nelle banche dati nazionali dell’incidentalità stradale (TWIST).

Sulla base dell’analisi dei dati di incidentalità è stato in primo luogo definito di intervenire sugli incroci (ove sono avvenuti i principali sinistri con feriti) al fine di definire le priorità di circolazione e garantire il rispetto della velocità nella manovra in incrocio.
Altro ambito d’intervento in fase di sperimentazione è quello di trovare la migliore soluzione attraverso l’utilizzo dello strumento delle “chicane” sulle vie a maggior rischio di superamento del limite di velocità che caratterizzano il quartiere e che gli stessi abitanti percepiscono come un problema.

Relativamente alle scelte progettuali, si è scelto di utilizzare la tecnica del cosiddetto “urbanismo tattico” che si sta affermando anche in Italia e serve proprio per sperimentare soluzioni di mobilità urbana a costo contenuto e che permette, oltre che di restituire alla strada la funzione di socializzazione e spazio condiviso, di poter adattare gli interventi dopo la necessaria fase di sperimentazione, apportando eventuali migliorie o correttivi senza avere costi elevati da sostenere.
Gli incroci realizzati così come gli altri interventi saranno ora monitorati e oggetto di verifiche dopo le quali si potranno, d’intesa con gli attori locali, valutare eventuali migliorie o modifiche senza che queste richiedano costi elevati e lavori stradali rilevanti. Al tempo stesso, comprendendo la difficoltà iniziale nell’adattarsi alle nuove geometrie stradali, l’invito è di sperimentare e provare a percorrere con la giusta attenzione e velocità la nuova viabilità, che ha l’unico scopo di mantenere la velocità a 30 chilometri orari al fine di salvaguardare le persone che nel quartiere vivono.

Monitorando gli incroci non si sono ad oggi riscontrati particolari problemi nella circolazione stradale e si sta riscontrando un’attenzione nei comportamenti alla guida dalla maggior da parte degli utenti della strada, che in ogni caso non generano problemi di sorta ai flussi viari.

In ogni caso l’obiettivo è quello di garantire la massima sicurezza per il quartiere, che fin dalla sua nascita ha sempre avuto percorsi pedonali utilizzati dai residenti per i loro spostamenti, per raggiungere esercizi commerciali, scuole e luoghi di culto, con la garanzia di avere strade nelle quali muoversi in piena sicurezza.

 

Per ulteriori informazioni è possibile rivolgersi all’Ufficio Biciclette del Comune: tel. 0171 444513-516; mail: ufficio.biciclette@comune.cuneo.it.

comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium