/ Attualità

Attualità | 16 luglio 2021, 16:50

La "vita privata" di Carlo Alberto raccontata nel nuovo percorso di visita al Castello di Racconigi (FOTO E VIDEO)

Aperte da sabato 17 luglio le sale inedite della reggia: i Bagni, la Biblioteca, il Fregio Palagiano, lo Spazio 21 e la Capella Settecentesca

La "vita privata" di Carlo Alberto raccontata nel nuovo percorso di visita al Castello di Racconigi (FOTO E VIDEO)

Nuovo percorso di visita al Castello di Racconigi. 

Inaugurato oggi alla presenza dell’assessore regionale Vittoria Poggio, sarà fruibile al pubblico a partire da domani, sabato 17 luglio. 

Realizzato grazie alla collaborazione sinergica tra l’associazione Le Terre dei Savoia, Musei Piemonte, e con i fondi europei del progetto I Duchi delle Alpi,  Fondazione Crt, Fondazione Comapagnia di San Paolo e Fondazione Crc, il percorso “Vita privata di un re” si compone di ambienti prima non aperti al pubblico, restaurati e rifunzionalizzati. 

Fil rouge che accomuna le sale, la figura di re Carlo Alberto, nei suoi aspetti più intimi e famigliari: punta di diamante saranno i Bagni del re, per poi passare alla Biblioteca, al restaurato Fregio Palagiano, e, infine, alla Capella settecentesca, che ospita anche una piccola mostra di oggetti recuperati dall'Armeria del Castello.

Prima di entrare nei Bagni di Carlo Alberto, il visitatore potrà inoltre provare l’esperienza immersiva con il rinnovato Spazio 21. 

“È un momento in cui diremo io c’ero” ha annunciato il sindaco di Racconigi Valerio Oderda. 

“Siamo in un momento di ripartenza e e i momenti di ripartenza si fanno con le riaperture - ha commentato il presidente della Regione, Alberto Cirio in collegamento online da Torino-. Con queste nuove visite credo si arricchisca la voglia di conoscere cosa contiene quello scrigno meraviglioso che è il Castello”. 

“È stato un lavoro di squadra - ha aggiunto l'assessore regionale Vittoria Poggio - ’iniziativa di aver aperto e reso disponibili di spazi che mirano a consegnare la storia fatta di aspetti famigliare è sicuramente attrattiva turistica. Occasione grande per il territorio di cui andiamo orgogliosi”. 

"Il percorso di intervento è iniziato nel 2016 - ha precisato Riccardo Vitale, direttore del Castello - ed è frutto di investimenti partiti in maniera differenziata. Abbiamo ricomposto tali investimenti dando un obiettivo unico e coerente. Ora, puntiamo alla riqualifica dell'Armeria. Una progettazione che che ha diversi scopi: rendere più fruibile il castello, ma legarsi anche al territorio”. 

A questo si aggiungono altri interventi per il futuro: "Le Terme devono essere ancora parzialmente recuperate, e c'è la volontà di recuperare altre parti del castello come la Margaria o i complessi monumentali all’intento del maniero”. 

Il nuovo percorso è solo su visita guidata e è subordinato al biglietto di ingresso. 

 

chiara gallo

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium