/ Attualità

Attualità | 15 settembre 2021, 17:31

Tunnel di Tenda, Riberi: “Isolamento stradale inevitabile sino a fine 2023: è inaccettabile”

Il sindaco di Limone Piemonte e presidente dell’Unione Montana commenta, a due settimane di distanza, la consegna dei lavori della canna di raddoppio: “Attendiamo che alla CIG si affronti l’argomento. Faremo il possibile in nostro potere”

Massimo Riberi

Massimo Riberi

Sono passate ormai due settimane dalla consegna dei lavori sulla nuova canna di raddoppio del traforo del Colle di Tenda, ma i dubbi di Massimo Riberi – sindaco di Limone Piemonte e presidente dell’Unione Montana – non si placano: “Certo è un fatto positivo – ha detto – ma non significa che l’assemblea dei sindaci sia soddisfatta in merito al procedere delle cose. E’ chiaro che, anche se tutto dovesse andare per il meglio, la valle dal versante francese rimarrà isolata fino alla fine del 2023”.

Riberi sottolinea come dalla riunione del 9 luglio con il Ministero delle Infrastrutture, non sia stato prodotto alcun cronoprogramma preciso: “Si è parlato di sei mesi di tempo per la progettazione, che però son partiti proprio il 1° settembre - aggiunge - . E prima di intervenire deve comunque essere messo in sicurezza il vallone. Dopo questi sei mesi, l’azienda ne avrà tendenzialmente 15 a disposizione per realizzare il viadotto, fatto che ci porta, appunto, a fine 2023. Rimarremmo senza una strada viaria di comunicazione tra provincia di Cuneo, Francia, Montecarlo e Liguria, e questo anche perché la nostra richiesta di utilizzare la vecchia galleria durante i lavori di realizzazione del viadotto non è stata accolta”.

Durante l’ultima riunione formale con Alberto Cirio a Limone Piemonte – alla quale hanno partecipato anche Federico Borgna in qualità di presidente della Provincia, i sindaci della valle e, da remoto, il commissario straordinario Prisco - , la Regione ha preso l’impegno di implementare treni-navetta gratuite ogni ora da Tenda a Limone non appena sarà completato il ripristino della Ventimiglia-Cuneo. Che andranno ad aggiungersi, come servizio, a quelli messi a disposizione per collegare la stazione di Limone agli impianti.

Aspettiamo il 30 settembre e la prossima CIG, sperando che si dica qualcosa in merito all’accordo tra ANAS ed Edilmaco – ha concluso Riberi - . Faremo tutto il possibile per cercare una soluzione alternativa all’isolamento, che pare ancora irrisolvibile”.

redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium