ELEZIONI REGIONALI
 / Attualità

Attualità | 07 febbraio 2022, 09:55

Scuole e aziende di Mondovì raccolgono mascherine chirurgiche per trasformarle in nuovi oggetti con la stampante 3D

L'iniziativa, progetto de "Il Circolo delle idee", terminerà al raggiungimento di 15 kg di mascherine (circa 5 mila), quantità necessaria per dare il via alla sperimentazione sulla trasformazione

Scuole e aziende di Mondovì raccolgono mascherine chirurgiche per trasformarle in nuovi oggetti con la stampante 3D

Raccogliere le mascherine chirurgiche e riutilizzarle per creare nuovi oggetti, come i giocattoli per bambini. 

E' partita ufficialmente questa mattina, lunedì 7 febbraio, l'iniziativa lanciata lo scorso giugno dal "Circolo delle idee di Mondovì" (leggi qui), che prevede il recupero delle mascherine per un progetto sperimentale portato avanti dal Politecnico di Torino, sede di Alessandria, per trasformarle da rifiuti in nuove risorse. 

Lo scorso anno, in via sperimentale, una giornata di raccolta era stata organizzata presso la sede dei licei, ma da oggi al progetto prendono parte attiva diverse scuole e anche alcune aziende del monregalese. 

In questi giorni, infatti, sono stati posizionati da "Proteo", appositi bidoni (26 in totale, ndr) per la raccolta. Al progetto per ora hanno aderito gli istituti: "Anna Frank" di Breo, "Gallo" di Piazza, "Cordero" dell'Altipiano, il CFP, il "Vasco-Beccaria Govone" e il "Cigna-Baruffi-Garelli" dove questa mattina era presente l'assessore Erika Chiecchio con una delegazione del "Circolo delle Idee" e le ragazze del Servizio Civile.

L'iniziativa ha riscosso l'interesse anche di diverse aziende che hanno richiesto il posizionamento di un bidone di raccolta anche nelle loro sedi: Valeo, Banca Ifis e a breve anche la Raicam.

La raccolta terminerà al raggiungimento di 15 kg di mascherine (circa 5 mila), quantità necessaria per dare il via alla sperimentazione sulla trasformazione. 

Le mascherine raccolte saranno prima sanificate, poi "macinate" e trasformate in un filamento utile alla stampante 3D per creare nuovi oggetti (vedi video qui). Lo scorso novembre, con una delibera di Giunta, il Comune aveva stanziato 25 mila euro a favore del progetto, che ha già suscitato davvero l'interesse dei giovani, alcuni dei quali, raccolgono le mascherine utilizzate a casa e le portano nei contenitori a scuola per poterle riciclare e dare una mano all'ambiente. 

Arianna Pronestì

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di Targatocn.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium