/ Attualità

Attualità | 13 dicembre 2022, 16:09

Saldi, l'appello di Confesercenti Cuneo: "Tornino a essere un appuntamento"

Botta e dal Bono: "Chiederemo alla Conferenza Stato - Regioni, lo spostamento alla prima settimana di febbraio, per arginare almeno in parte la crisi del settore"

Saldi, l'appello di Confesercenti Cuneo: "Tornino a essere un appuntamento"

In Confesercenti si parla già di saldi: nell’ultima riunione nazionale di FISMO - Federazione italiana settore moda - si è deciso di chiedere alla Conferenza Stato - Regioni, lo spostamento dei saldi invernali alla prima settimana di febbraio e di quelli estivi alla fine di luglio o prima settimana di agosto 2023.

Sappiamo che è una richiesta che farà discutere - spiega il direttore generale della provincia di Cuneo Nadia dal Bono - ma questa iniziativa è determinata dalle attuali condizioni climatiche che di fatto hanno condizionato negativamente la vendita di capi invernali. Ci sono state giornate di novembre dove il termometro sfiorava i venti gradi. Lo slittamento dei saldi a febbraio, permetterebbe alle nostre imprese, già fortemente penalizzate per le scarse vendite, di recuperare almeno parte dei loro profitti”.

Secondo Confesercenti, i saldi - su pressione della grande distribuzione - vengono effettuati ad inizio stagione, mentre se fossero espletati - come stabilisce la loro stessa definizione - a fine stagione rappresenterebbero un’occasione di grande interesse economico, sia per gli operatori commerciali che per i consumatori.

Le nostre imprese - prosegue il direttore generale di Confesercenti Cuneo Nadia dal Bono - non hanno abbastanza tempo per vendere a prezzo pieno e sono costrette a svendere a saldo. A questo si aggiunge, come ulteriore svantaggio competitivo, la concorrenza sleale della grande distribuzione che non è soggetta ad alcun controllo e sanzione”.

L’attuale situazione normativa - precisa Mauro Botta, vicepresidente e presidente Fismo provincia di Cuneo - è carente e mette a rischio la sopravvivenza delle piccole e medie imprese del settore, fra sconti e svendite espletati spesso senza disciplina. A questo - sottolinea Botta - si aggiunge la spietata dinamica delle vendite online delle grandi piattaforme del settore che, potendo attuare economie di scala, possono vendere a prezzi molto più bassi, avendo ridotti costi di personale e di infrastrutture”.

La FISMO ha già rappresentato anche al nuovo Governo la mancanza di un regime fiscale uniforme tra la vendita reale in negozio e quella attuata attraverso il web che solo ultimamente è stata sottoposta a una tassazione irrisoria del 15% ove venga applicata. “Auspichiamo - concludono dal Bono e Botta - che la nostra proposta possa rappresentare una base di confronto serio fra lo Stato, le Regioni e le Federazioni di settore deputate alla tutela ed alla salvaguardia di interessi della piccola e media distribuzione della moda”.

comunicato stampa

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di Targatocn.it su WhatsApp ISCRIVITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium