/ Attualità

Attualità | 27 ottobre 2017, 07:30

Incendi in Piemonte: i senatori Scibona e Malan chiedono lo stato di emergenza e il massimo sostegno agli interventi

Il pentastellato ha provveduto a sollecitare il Dipartimento Nazionale di Protezione Civile e il presidente Chiamaprino; il forzitalino, invece, si scaglia contro i sospetti di dolosità

L'incendio a Casteldelfino - Foto di repertorio

L'incendio a Casteldelfino - Foto di repertorio

Anche nel Senato della Repubblica si parla degli incendi che stanno devastando la provincia di Cuneo e, più in generale, diverse zone del Piemonte: a sollevare alcune richieste, recentemente, sono stati i senatori Marco Scibona del MoVimento 5 Stelle e Lucio Malan di Forza Italia.

"In Piemonte continuano i numerosi incendi che stanno devastando i nostri territori, mettendo inoltre in pericolo la popolazione - ha detto Scibona - . L'aria in molte zone è irrespirabile a causa dei fumi e intere frazioni sono state sfollate a causa dell'avvicinarsi delle fiamme alle abitazioni: Vigili del Fuoco, AIB, Carabinieri forestali, Croce Rossa Italiana e tutti i corpi e i volontari preposti, che ringrazio per il grande impegno profuso, stanno operando con la massima dedizione al pieno delle loro capacità ma al momento rimango, in tutto il territorio Piemontese (Valle di Susa, Pinerolese, Cuneese, Novarese) numerosi e vasti fronti di incendio che con il previsto innalzarsi del vento rischiano di compromettere ulteriormente la situazione."

"Ho provveduto a sollecitare il Dipartimento di Protezione Civile Nazione per un ulteriore sforzo di coordinamento per la risoluzione della criticità. Verificando inoltre la disponibilità del ministero competente per intervenire anche con le forze armate auspico quanto prima che, proprio per permettere l'attivazione del livello nazionale, sia dichiarato senza indugio lo Stato di Emergenza per la Regione Piemonte - conclude il pentastellato - . Sollecito quindi il Presidente Chiamparino, i prefetti piemontesi ed il Governo ad avviare immediatamente le procedure per la dichiarazione dello Stato di Emergenza, prima che peggiorino ulteriormente le condizioni, anche meteorologiche."

La situazione è molto preoccupante, in particolare in alcune aree della nostra Regione, e sono convinto che, a tutti livelli, le Autorità stiano facendo tutto il possibile. Certo, in momenti come questo si vede bene quanto siano stati affrettati la soppressione del Corpo Forestale e l’azzeramento o quasi della Provincia - sottolinea invece Malan - . Se il Sindaco di Cantalupa Giustino Bello ha ragione a proposito della dolosità, spero che i colpevoli siano identificati e severamente puniti ma, intanto, bisogna dare tutto il sostegno possibile ai Vigili del Fuoco, ai volontari, ai Sindaci e a tutti coloro che stanno intervenendo. Se, poi, chi ha la responsabilità della Protezione civile lo riterrà utile, l’Esercito sarà - come sempre - al servizio del Paese. Nel frattempo, credo che servano soprattutto interventi specializzati, in particolare dei Vigili del Fuoco - a cominciare dai tanti splendidi gruppi di volontari, spesso sottoutilizzati."

r.t.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium