/ Eventi

Eventi | 05 ottobre 2019, 19:33

L'Italia, il regime fascista e gli "anni del consenso": convegno a Vicoforte martedì 8 ottobre

L'appuntamento, organizzato dall'associazione "Giolitti", è promosso di concerto con il Rotary Club 1925 di Cuneo e si terrà dalle 15.15 presso Casa Regina Montis Regalis

Il professor Aldo Alessandro Mola

Il professor Aldo Alessandro Mola

"Il lungo regno di Vittorio Emanuele III - Corona e regime: gli anni del consenso (1922-1937)": questo è il titolo del convegno in programma a Vicoforte dalle 15.15 di martedì 8 ottobre, organizzato dall'associazione "Giolitti" di concerto con il Rotary Club 1925 di Cuneo e diretto dal professor Aldo Alessandro Mola.

"Dopo aver esaminato l'età giolittiano-emanuelina (1921-1922) - spiegano dall'associazione - si affrontano gli 'anni del consenso' (1922-1937). In un'Europa inquieta (affermazione del comunismo sovietico in Russia e del nazionalsocialismo in Germania e a fronte dell'impotenza della Società delle Nazioni, cui rimasero estranei gli USA), l'Italia passò da democrazia parlamentare a regime di partito unico. Al governo di unione costituzionale presieduto da Benito Mussolini (31 ottobre 1922), grazie alla legge Acerbo, fortemente maggioritaria, nel 1925 seguì un esecutivo di soli fascisti. Il Parlamento approvò le leggi fascistissime, mettendo a tacere le opposizioni, che dal 'delitto Matteotti' (10 giugno 1924) disertarono quasi al completo la Camera".

"La legge elettorale Rocco (1928) - proseguono - conferì al Gran Consiglio del Fascismo la designazione dei deputati da approvare o respingere in blocco. Partiti e politici liberali, socialisti, cattolici, demo-radicali furono completamente spazzati via. Solo alcuni loro esponenti avevano o avrebbero trovato riparo in Senato. L'11 febbraio 1929 il concordato Stato-Chiesa costituì corposo successo del regime, rafforzato negli anni seguenti con l'imposizione del giuramento di fedeltà al duce per tutti i pubblici impiegati (a eccezione dei militari). Il rilancio della stabilità monetaria ('quota 90'), della produzione cerealicola e di quella industriale, orchestrata dall'Istituto per la Ricostruzione Industriale, presieduto dal già socialista Alberto Beneduce, suscitò ampio consenso a Mussolini, forte di 'pieni poteri'. Nel 1936 la lunga e costosa guerra contro l'Etiopia, sorretta da abili operazioni di propaganda (l'offerta di 'oro alla Patria', la lotta contro le 'inique e inefficaci sanzioni' deliberate dalla Società delle Nazioni) e l'intervento in Spagna a sostegno dei nazionalisti guidati da Francisco Franco contro la Repubblica rafforzarono il potere personale del Duce e la liquidazione delle residue opposizioni all'interno e all'estero".

Il convegno, realizzato con il concorso di prestigiosi sodalizi e centri di studio, si concluderà con la presentazione del volume del professor Mola, "Giolitti. Il senso dello Stato", nella conviviale seguente.

Per ulteriori dettagli, consultare il portale telematico www.giovannigiolitticavour.it o inviare una mail all'indirizzo giovannigiolitticavour@gmail.com

Alessandro Nidi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium